Il mio tempo è trascorso
come olio prezioso e profumato;
l’ho sorseggiato come sacra bevanda,
mentre calmo era il mio incedere
per le strade degli uomini.
Ho navigato mari in tempesta,
esplorato abissi turbinosi,
illuminato oscuri orridi.
Ho visto le infinite profondità della materia
e la struggente bellezza della multiforme vita.
Ho solcato cieli di cobalto
e atmosfere rarefatte;
Ho vagato per gli spazi siderali,
verso galassie sconosciute.
Ho provato gioie e dolori;
ho amato con passione e desiderio.
Ad ogni passo ho obbedito alla tua voce:
"…Cerca ciò che unisce…",
che seminasti nel mio cuore
prima che io nascessi.
Ho trovato la risposta,
custodita nell’incanto di scuri occhi di donna,
soffusa sulla sua pelle ambrata.
Ho compreso allora l’arcana sapienza:
alla fine del mio viaggio
ritrovo il mio inizio.
Te.

Morte di Artù

© 2006, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

8 thoughts on “Il mio tempo

  1. Bella, suggestiva, evocativa. Applaudo al senso tuo del ritorno, sulla via d’amore, a quel tempo in cui tutto era già scritto, ma non ancora compiuto. Bravo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine