Come un magnète
attratto da metallo
nella combinazione
di forze contrapposte,
inevitabilmente
aderisco a te per colmare
distanze in attimi 
fugaci di felicità.
I tuoi piedi nelle mie mani
sono il riflesso surrogato
di un corpo carezzato
su uno specchio che rimanda
ad altri più abili contatti.
Piccolo gesto atteso
l’invito al gioco da giocare
avvolti di silenzio in due.
Rifugio nel respiro
le mie quattordici boccate
di coscienza a lenire la ferita
che sottile corre aperta
senza fiato dentro i meridiani,
profondi solchi lascia
la tristezza, sa di salato
e ha l’acido del rimpianto.
Poi sale pace lenta
dolce e consolatoria
come sonno.

 

Febbraio 2007
 
© I.T e P.S.

© 2007, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

3 thoughts on “Magnète

  1. Originale e … magnetica!

    Avverto l’energia dei meridiani sprigionarsi dai tuoi versi… energia colorata di tristezza, sempre di più… in un crescendo nella chiusa dove trovi rifugio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine