Veniva da un paese lontano, non mi disse mai quale, forse perché mai glielo chiesi.

Ho sempre pensato che in alcuni casi per avere delle risposte occorre non fare domande.

Eppure quando un raggio di sole illuminava i suoi occhi, si riusciva quasi a scorgere il riflesso di una città martoriata tanto quanto la sua anima.

Con un groviglio inestricabile di reticenze ed omissioni difendeva il suo passato, tamponava le sue ferite.

A volte nel bel mezzo di una piacevole serata, improvvisamente i suoi occhi si incupivano.

Erano nubi che assorbivano la luminosità del suo sguardo, erano lampi senza tuoni, temporali senza lacrime.

Allora mi allontanavo perché sapevo che era questo ciò che voleva, sgusciavo via in punta di piedi per lasciargli l’intimità di cui aveva bisogno.

Sapevo che poi sarebbe stato lui a cercare me e senza dire nulla avrebbe interrotto la mia attesa.

Leggevo nel suo sguardo un ringraziamento mai pronunciato.

Eppure non mi sono mai sentita esclusa, ciò che non diceva a me era ciò che non riusciva a verbalizzare neanche con se stesso.

Compresi subito ad esempio, che le passeggiate sul lungomare gli lasciavano addosso una patina di salsedine e malinconia.

Non vidi mai i suoi occhi posarsi sulle onde. Allora cambiavo direzione, senza che se ne accorgesse lo conducevo verso un altrove, lontano da ciò che lo turbava finché non sentivo il suo respiro tornare a poco a poco regolare.

Cominciai ad abituarmi a quei silenzi carichi di tutto finché una sera, senza alcun preavviso e come un fulmine a ciel sereno sentii la sua voce dire:

"Il mare. Il mare mi ha portato qui da un paese in guerra.

Il mare più della guerra mi ha fatto perdere tutto e tutti quando già avevo perso me stesso.

Nessuno, nessuno mai ha risposto ai miei silenzi con i suoi silenzi.

Nessuno mai."

Poi tacque. La sua voce si spense nei colori del tramonto, i suoi occhi si chiusero ad arginare quella lacrima che non scese mai a sfiorare il suo volto. Un’onda del suo mare in tempesta.

Silenzio.

© 2006, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

16 thoughts on “L’ONDA DEL SILENZIO

  1. Stefy, sei una piacevole scoperta.

    Prima di leggerti qui, sono passata nel tuo blog, ed oltre a questo splendido racconto ho assaporato parole davvero emozionanti che scorrono dentro e lasciano il segno.

    I miei più sinceri complimenti. 😉

  2. Di estrema attualità, pur con l’emozione di un racconto.

    E questo silenzio che vale mille parole, accolto con un altro silenzio.

    Il tutto carico di significato.

    Un abbraccio

    Ars

  3. “avolte il silenzio vale più di mille parole” frase fatta certo ma vera. Si parla anche con gliocchi e si ascolta con il cuore…

    Grande sensibilità verso il dolore altrui, la tua. 😀

  4. Un racconto che stringe il cuore in onde di commozione e struggimento.

    E’ dei nostri giorni questa pagina e riporta alle tante storie che si celano dietro i volti disperati che sbarcano ogni giorno sulle nostre coste con la speranza tra le ciglia invase di lacrime. Queste le immagini che il tuo narrare mi ha evocato, emozionandomi…

    Grazie per questa meraviglia.

    Un abbraccio

    Maya

  5. Inutile dire che un silenzio d’onda così descritto lascia sulla rena dell’anima emozioni e sentimenti sparsi come granelli di sabbia e conchiglie.

    Complimenti per questo tuo racconto breve.

    Un abbraccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine