Il fuoco della vita

Ho posto la mia dimora
sulla cima del tuo Amore,
e ora, il tuo fuoco arde,
sulla soglia della mia casa.

Tu sei sempre là,
in tutto quello che mi circonda,
nei grovigli di corda,
che mi cingono il cuore.

Nel fuoco che tinge di porpora,
i miei tramonti incendiati,
di zafferano e corallo,
le mie albe lontane.

Tua la voce
che appiena il silenzio,
l’incendio che si propaga, e accende,
scisso in lapilli e incandescenti schegge.

Tu, il Fuoco,
che donandosi arde.
La Fiamma che trasfigurando,
s’accartoccia e crepita.

Tu il Faro acceso nella mia notte.
La ragione e il senso.
Fiamma inesausta
Fuoco della Vita!

5 Maggio 2008

***

Voglia di vita

Avvolta di gelida luce,
brucia ancora
accaldata la notte.
Sprofonda
oltre i picchi lontani,
il sole nel mare, e lo arrossa.
Dalle gole profonde,
del tempo,
liberato, il ricordo tormenta.
Incombe, avanzando la notte,
adorna di una tiara d’argento.
Cavalco, la nebbia vischiosa,
di un cielo invernale
che pesa.
Valicando la rupe del tempo,
attraverso la valle del pianto,
solitaria, con l’ululato del vento.
E continuo caparbia, a sognare,
grandi spazi
orizzonti infiniti
notti accese di intenso corallo
trapuntate da stelle vermiglie
e appiccando
un fuoco nel cuore
scrollo via
la caligine vecchia
dissolvendo nel sole
la nebbia.
Oltrepasso la soglia infinita,
ridestando
il mio sonno profondo
per cantare
alla Luce e alla Vita!

***

L’ora ritrovata

E se un giorno, per caso
nel delirio
vagando cupo
in un cielo senza stelle,
l’animo in piena,
smarrito il suo principio,
colma la coppa,
di livido furore,
si ritrovasse
sulla soglia dell’attesa,
a ber da solo
il calice fatale.
E sarà allora
che tra vele solitarie,
scricchiolando nel tempo,
fra le pieghe
ripescato,
dai flussi del mistero,
potesse alfine, libero posare,
stanco, quel cuore,
che non sapeva più sperare,
all’ombra
della sua ora ritrovata.

***
Dal libro I colori della vita di Simonetta Gravina

© 2010, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

One thought on “I colori della vita di Simonetta Gravina

  1. Si distende il tuo respiro di poeta, Simonetta,
    ha nel fuoco un centro di gravità, una pulsione verso la vita.
    Dell’amore temi l’assenza, ma al tempo stesso ami il senso dell’attesa, del mistero, della fatalità che lo contraddistinguono.
    La tua analisi del vivere in amore… crea smarrimento e incanta.
    Sei di luce…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine