Sei un mito.
e racconti altri miti
forse di te non più grandi
perchè grande sei tu
che sei rimasto
negli occchi lucenti
di noi bambini,
ormai vecchi.

Tu dolce e caro mito
della fanciullezza,
ci fai sognare,
storie meravigliose.

In quel “foco”
scoppiettante della notte
vedo fra i ceppi e la cenere
il galoppar dei cavalli
nelle immense praterie.

Eroi che si sfidano a duello:
lo sfavillar dei carboni
si confonde col
luccicar delle lame.

nel sogno poi,
vivo con te:
immagino tante eroiche gesta
in quel cielo celeste
dove ora tu
col tuo cavallo bianco
stai galoppando
fra le nubi e gli arcobaleni.

© 2008, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

4 thoughts on “Dal focolare: sognando un “mito”

  1. · per rodocrosite.
    · Ti ringrazio del tuo commento.Effettivamente io mi definisco ancora “un vecchio ragazzo di campagna”
    · La vita in campagna dell’epoca non era , però, tutta “rose e fiori”, nel compenso – in particolare per noi ragazzi di allora – i “bisogni” erano modesti. Qualche volta un gelato la domenica e poi lo scorrazzare per i cami e gli scivoli sull’ erba delle colline.
    · Poi le novelle del nonno davanti al focolare che avevano un doppio scopo: insegnarci qualcosa dei problemi della vita ed anche per favorci il sonno. Sono momenti romantici, in particolare, visti con gli occhi di oggi e forse imparavi più in quelle “veglie” che nelle scuole pubbliche.
    · Grazie di nuovo e tanti saluti e auguri.
    Sergio doretti

  2. Sergio sei un ganzo!
    Mi ha catturato quel “noi bambini ormai vecchi” e anche quelle immagini intraviste nel fuoco.Chi non l’ha mai provato ha decisamente perso qualcosa.

  3. Rivedendo tutto con gli occhi di oggi mi viene da pensare:
    forse un nonno, un bisnonno allora era una vera scuola di vita e di
    amore per noi bambini e suppliva con evidente capacità a quelli
    che erano i limiti della scuola ufficiale, portata più a far rilevare l’odio
    verso i nemici che l’amore tra i popoli.
    Quanto sopra negli 30 in pieno regime, ma anche oggi quando un bambino vede coinvolto nelle attività scolastiche persone o compagni che appartengono al suo contesto socio-familiare, mostra maggior attenzione e viva partecipazione.Anche la narrazione ha una grande valenza didattica. I racconti: nei nonni, dei genitori, degli insegnanti stimolano nel bambino stimoli e curiosità e favoriscono il confronto.
    Sergio Doretti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine