Ho camminato tanto, senza una meta precisa. Pioveva, nella strada buia, da lontano una luce illuminò il mio viso, lessi: “Casa Del Viandante”. Mi sono fermata, e lì ho riscaldato il mio cuore; musica, un camino acceso, e gli occhi di chi aveva smarrito la strada, come me. Mi sono seduta, ho ascoltato, ho raccontato, ho pianto e riso; e c’era Marta, Alice, Margot, che trascinavano pure, le loro sacche lacerate. Un vecchio signore, si sedette vicino a noi, voleva ascoltare, ma lui era un uomo, non avrebbe mai potuto capire le ferite dei nostri animi. “Dovete ripartire donne”, ci disse, “non potete fermarvi qui”; io ci resto, non perché sono vecchio, sono qui, da quando ero giovane, io non sapevo sognare, avevo il cuore inaridito, ma voi no; vi hanno ferito accarezzandovi, ma voi proseguite, laggiù c’è un fiume, e una leggenda narra, che chi si lava il viso, con quell’acqua, riprenderà la giusta via; fatelo anche voi, avete fantasia e voglia di crederci, sono sicuro, non vi smarrirete più. Era un uomo, ma una cosa l’aveva capita, che le donne sanno sempre inventarsi la vita.

Immagine: Sisters dressing di Edward Martinez

© 2008, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

22 thoughts on “La Casa del Viandante

  1. Grazie Ars, x il tuo commento; ma certo che le donne continuano sempre a credere nell’amore, nonostante le ferite, con l’augurio che riescano a trovare nel loro cammino, uomini che sanno andare più in profondità, per poter scrutare l’animo femminile. kiss
    Rosanna

  2. Ciao Andrea, grazie per esserti fermato a leggere questo breve racconto, che in poche righe racchiude quello che è l’animo femminile, e anche quello maschile.
    La donna sempre più romantica, sognatrice, che crede nell’amore e lo cerca disperatamente sempre, l’uomo invece si lascia andare un pò meno ai sentimenti, non riesce mai ad arrivare in profondità..kiss
    Rosanna

  3. Credo che Andrea abbia centrato la questione…
    Credo che le donne abbiano la forza di inventarsi la vita, ma senza un uomo accanto (un certo tipo di uomo), il viaggio sia come monco.. e forse inconsapevolmente questo bel racconto ci dice proprio questo 🙂
    Complimenti, Rosanna!
    Ars

  4. Quanti interrogativi in questa breve leggenda, esteticamente limpida e solo apparentemente semplice.
    le donne vogliono fermarsi dove c’è luce e calore, ma un vecchio le convince a cercare una vita piena nel mondo.
    Le donne possiedono la fantasia ma é un uomo ( anzi un vecchio, cioè non più virile ) che le svela il segreto per eliminare le scorie del passato e tornare a vivere.
    Sembra quasi che l’uomo, chiuso da giovane nella sua corazza non sappia sognare, ma che le donne, malgrado le ferite ricevute, sognino l’uomo, con la concretezza che gli riconoscono, ed in fondo si fidino di lui.
    Chissà ? lascio a Rosanna le risposte.

  5. Non tutte le donne sanno inventarsi la vita, alcune lo fanno a dispetto di tutti e con coraggio. Altre sopportano il maschilismo con rassegnazione e come ladre cercano la libertà di pensiero.
    Complimenti per tuo raccontino.
    Mi piace tantissimo.
    Brava!

    marinella(nonnameri)

  6. Le donne sanno inventarsi la vita, mi piace questa frase che rispecchia l’indole femminile di credere ciecamente nei sentimenti e seguire sempre il cuore. Non fermarsi in un posto per inaridire, ma continuare verso luoghi dove la vita fluisce creativa, ciao.

  7. Grazie Daniela, per esserti fermata a leggere il mio racconto; mi auguro, che non ci siano barriere di genere, ma purtroppo nonostante tutti gli sforzi, da ambo le parti, ancora non riusciamo a vivere uomini e donne,in modo equilibrato, nello stesso pianeta.Con affetto
    Rosanna

  8. Ciao Lenio, ritrovarti e vedere quante belle cose scrivi, mi fa piacere; la prima volta ti ho letto in “Raccontinellarete”, dove anch’io ho partecipato.Il mio pensiero su quanto affermi,che la sensibilità, non è solo delle donne,è pur vero,ma nell’uomo è spesso repressa da modelli distorti, di una cultura maschilista, che lo deve far apparire un pò cinico, sterile nei sentimenti,quasi che far trapelare la propria sensiilità, lo sminuisca nel suo essere maschio.In effetti difficilmente trovi un uomo, che si racconta o mette a nudo i suoi sentimenti. Continua a scrivere Lenio, perchè leggerti è un piacere, io sto cominciando ora a muovere i primi passi, in questo magico mondo della scrittura. Un abbraccio
    Rosanna

  9. Ciao Michela, grazie per il tuo commento; sei una donna straordinaria, sempre pronta a mettere a nudo tutto ciò che alberga nel tuo animo.Concordo, con quanto affermi.. impariamo a volerci più bene,e a investire sempre su noi stesse. Un abbraccio
    Rosanna

  10. Grazie Alex, per come riesci a penetrare l’animo altrui, con la tua elevata sensibilità;i ricordi dolorosi,anche se riemergono,sono ormai impolverati, e non possono destabilizzarci più di tanto, anche perchè le sconfitte, non ci hanno mai fatto perdere il cuore. Un abbraccio, con affetto e gratitudine, per quello che le tue parole, riescono a trasmettermi.
    Rosanna

  11. Penso, Rosanna, che anche alcuni uomini, se dotati di sensibilità, sanno inventarsi la vita nei momenti più difficili. Certo che le donne hanno più insita in loro questa caratteristica che fa parte di loro stesse, non per niente siete voi a donare la vita. Comunque, dal punto di vista della poesia e della scrittura, ammiro le donne per la capacità che hanno di mettersi a nudo e di raccontarsi senza reticenze, solo pochi uomini lo fanno, ma alcuni sì. La sensibilità femminile non vi appartiene in modo esclusivo.A parte questo, e vorrei tanto conoscere il tuo pensiero in proposito, ti faccio i miei più vivi e sinceri complimenti per il tuo bellissimo e commovente racconto, Lenio Vallati.

  12. Le donne sanno sempre, prima o poi, ritrovare il loro cammino…e non importa se saranno da sole a farlo, forse perchè hanno imparato che volersi bene è la cosa più importante che ci sia. Bravissima, parole semplici ma che arrivano al cuore

  13. leggendoti,
    ho trovato la strada dei ricordi dolorosi che ha caratterizzato la mia pre adolescenza!
    mi son lavato e mi lavo tutt’oggi nelle acque altrui dove nella pluralità dei doni e delle virtù innate, scorgi un nuovo sole che non solo ti riscalda da chi con le mani fredde delle indifferenze continua a distruggere… ma anche e soprattutto ti dà il vigore a poter essere per quanti incontro sul cammino della vita: ACCOGLIENZA VERA E DOLCEZZA UNICA!!! Grazie e auguri.
    Alex

  14. Rosanna,
    comprendo il tuo stato d’animo…e la storia.
    Noi donne abbiamo la capacità di inventarci la vita, e gli uomini hanno la preziosa capacità di semplificarla, rendendola intensa.
    La magia sta nella condivisione profonda che esiste!
    auguri per la tua sensibilità spiccata.
    Mariolina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine