menu Menu
Piccola anima mia
di riccardoblog Pubblicato in Poesia il 2 Giugno 2006 7 Commenti 1 minuti di lettura
La cosa più mia Precedente Prossimo

Piccola anima mia,
me ne vado
e ti abbandono
in questo tetro silenzio;
avremmo forse potuto,
insieme,
piangere lacrime bianchissime
su felicità radiose,
ma tu hai chiuso gli occhi
e mi hai voltato le spalle.
Forse eravamo troppo pesanti,
forse io ero –e sono-
troppo pesante e goffo;
allora tornerò,
piccola anima mia,
quando sarò leggero,
quando tutto in me
sarà solo leggerezza evanescente
e quando le orme
sul mio sentiero
saranno piccoli passi di danza.
Oppure no,
non tornerò,
perché una farfalla
-anche se pesante-
vive e canta
un giorno soltanto,
e la sera muore,
in silenzio,
senza fecondare
con il suo pianto
la terra bruna.


Precedente Prossimo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cancella Invia commento

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine
  1. Riccardo, ma è davvero bella! Non conoscevo questo lato di te … elo faccio nel modo più sorprendente. Leggendo una lirica che è delicata come quella farfalla, è dolce come un sentimento ritroso.

    Stupenda davvero!

keyboard_arrow_up