folder Filed in Poesia
Gli addii
riccardoblog comment One Comment access_time 1 min read

Dove sono finite le mie innamorate

– addormentate o perdute per sempre,

stanotte nessuno mi vuole e mi resti

solo tu, tu che passeggi in fondo

alla strada e ti basta uno sguardo,

e che importa se alla fine chiederai

il conto all’amore e monete ai sospiri:

anche tu hai capelli rossi e occhi verdi,

lentiggini e luna sulla pelle, anche tu

m’inchiodi con l’inevitabilità di un sorriso

e inevitabile sarà correrti incontro.

Non avremo bisogno di nessun addio

alla fine, e di addii ne ho conosciuti

fin troppi: tu mi sarai istantanea

e fatale e io forse necessario, l’ennesimo

di questa vita e di questa notte,

questa notte che mi scopre inerme

e senz’orgoglio, finalmente stanco,

questa notte in cui tutti si perdono

e s’abbandonano, pare per sempre.

Verrò allora alla tua strada senza guardare

più in là, dove c’è l’acqua e c’è il mare,

e il ponte dove ho scritto due versi,

dove gli innamorati si baciano e i ragazzi

s’ammazzano, quasi uno per notte;

ci si perde per forza a pensare a ventenni

caduti dal ponte, altro che addii,

e allora fa quasi piacere non avere

innamorate stanotte e passeggiare da soli,

non avere niente da fare e venire

ai tuoi occhi e alle tue cosce disperate,

fa quasi piacere non avere futuro,

non sapere il tuo nome e ignorare ogni cosa.

© 2006, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono riservati per i rispettivi autori.

Amore Introspezione Passione Riflessioni Sentimenti Tristezza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cancel Pubblica il commento

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine
  1. Molto bella. Lucida analisi di chi, attraverso la mercificazione del corpo delle donne, preferisce estraniarsi alla relazione con l’altro piuttosto che soffrire ancora…