È l’una di notte. Il monitor del computer è la sola fonte di luce nella stanza a parte la luna, che filtra dalle persiane. Già la luna. Da quanto tempo non la vede? Da quanto tempo non leva più lo sguardo al cielo per osservarla? Questo si chiede Robert ricordando di colpo le lunghe sere d’estate trascorse con Francesca in riva al mare a parlare, a guardare il cielo, le stelle, la luna. Basta poco per riaccendere la dolce memoria, un elemento naturale, un debole filo di luce lunare e la porta del tempo si riapre e ricordi l’amore.

Se sei innamorato guardi sempre le stelle e la luna, cerchi continuamente il cielo.  Di giorno e di notte, sei in contatto con l’universo e lo sguardo si perde all’orizzonte, s’invola nell’immensità della vita, varca le porte del paradiso. I tuoi pensieri colgono il senso profondo delle cose, dei fatti, del tempo.

Il tempo. Robert guarda ora il suo orologio da polso, abbandonato sulla scrivania in un angolo, tra instabili pile di libri. Da molti mesi, ormai, non lo indossa più. La puntualità non ha più senso per lui. Nella sua vita non ci sono più appuntamenti da rispettare a parte quelli di lavoro, regolarmente rinviati, ignorati, rimossi nello stesso atto di assumerli. E’ come se il tempo si fosse fermato.

Continua nel Blog Manuale di Mari

© 2007, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

5 thoughts on “Storia da blog – La luce – 4^ puntata

  1. “Basta poco per riaccendere la dolce memoria, un elemento naturale, un debole filo di luce lunare e la porta del tempo si riapre e ricordi l’amore”

    mi piace molto questo passaggio forse perchè è reale…forse perchè io sono una persona che basta poco per ricordare e una volta aperta la porta dei ricordi vengo travolta da essi…

    aspetto la continua…
    un abbraccio
    Alanis

  2. Robert accende la luce , una luce forte illuminando i suoi pensieri per continuare la storia che sta scrivendo e la sua anima …
    Stavolta i puntini ci vogliono perchè tutto continua e non dipende da noi lettori.
    Il passo che ha evidenziato Giardini di Maya è bellissimo ed è vero , guardiamo il cielo non solo perchè l’amore dona armonia ,ma perchè il cielo è il nostro catalizzatore e speriamo che porti i nostri pensieri a chi amiamo,tra le stelle si incontrano le anime di due innamorati. Sono troppo romantica lo so!

  3. “Se sei innamorato guardi sempre le stelle e la luna, cerchi continuamente il cielo.”
    Quanta verità in queste parole…
    L’amore dona l’armonia con il creato e fa intravedere l’universo.
    Magistarle capacità narrativa la tua e quel talento innato che ti consente di arrivare al cuore di chi ha il privilegio di leggerti regalando emozioni purissime.
    Ti abbraccio
    Maya

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine