Cuoce il cuore
questo fuoco
dentro me
e s’alza un fumo
denso e scuro
da questa cenere
di parole
così…
Ho detto tutto
per farti da legna
e mi hai bruciato
completamente.
Ora che l’inverno
è alle porte
stendi un manto
di alibi
sul tuo presente
per non aver freddo.

© 2006, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

13 thoughts on “La tua legna

  1. Il cuore è nudo a volte, freddo, sembra averla vinta sulla nostra forza che si trasforma in fragilità.
    Quest’opera è di una bellezza delicata e intensa, e affiora il rimpianto e emerge la condanna: “Stendi un manto di alibi…”.
    Sembra scritta dall’impulso di un momento di grande ispirazione artistica, ma appartenente alle emozioni private di chi l’ha scritta. Sento la sofferenza appesa ad un filo, ad un ricordo… forse recente.
    L’autore sa di cosa sta parlando, quanta sofferenza ha affrontato… e questo emerge dalla sua straordinaria capacità di comunicazione.

  2. Sono versi tristi ma che sgorgano da un cuore che soffre …
    Qnd si ama si diventa legna da ardere e l’attesa di una sola parola brucia l’anima che attende invano…
    Complimenti…

  3. L’amore che tutto incenerisce, lasciando solo fumo…e nulla più.
    Grandiosi versi che rendono appieno uno stato d’animo di enorme sofferenza.
    Solo un grande cuore può soffrire così. E solo un grande poeta sa descrivere con tale maestria quella sofferenza.
    Ti abbraccio, forte
    Maya

  4. Tremendo il senso di colpa e soprattutto il “cecare alibi” giustificazioni, per scacciarlo…La coscienza non permetterà mai che avvenga. Ma forse è meglio così: sarebbe peggio non averla affatto una coscienza…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine