Quando te ne andrai
passato il capriccio
e mi lascerai così
il cuore scorticato
la schiena graffiata
e i tuoi spilli
tutti su questo petto
esci lentamente
chiudi la porta
perché più nessuno
entrerà qui
dopo te…

© 2006, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

14 thoughts on “Dopo te

  1. Ci sono di quegli amori che arricchiscono e impoveriscono allo stesso modo. Cosi travolgenti, cosi impetuosi da vivere, ma che si lasciano un deserto dietro quando finiscono. Ci sono amori che finiscono solo per uno dei due partner, l’altro ne resta irrimediabilmente coinvolto, per sempre, disdegnando qualsiasi altra complicità…

  2. Oggi faccio fatica a commentare, ho un livello basso di percezione, ogni tanto mi capita, infatti non ho ancora scritto nulla sugli altri post, lo farò quando sarò in grado di intendere. Ma la tua lirica, Robert, è lucente, chiara, esprime perfettamente un’emozione profondamente dolorosa. Che altro dire?

  3. Ferite di spilli, le più dolorose…sottili e profonde…

    Ferite che aprono feritoie sulla verità.

    E’ come un urlo questa tua…che infrange il dolore stesso, oltre il quale questa vita chiama ancora, con tutta la luce ed il cuore.

  4. Per quanto è atroce tanto è bella…

    profonda…la visione della porta che si chiude ….mi sembra una scena di un film …che chissà quanti di noi hanno vissuto…nella realtà.

    Complimenti …

  5. Bellissima, toccante e profonda.

    Un pensiero in versi dolente come l’addio, che rispecchia la fragilità della tua anima, sensibile.

    “esci lentamente

    chiudi la porta

    perché più nessuno

    entrerà qui

    dopo te…”

    Il ricordo che si custodisce nel cuore è eterno e ineguagliabile.

    Significativa nel suo stile inconfondibile.

    Ti abbraccio affettuosamente

    Nicoletta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine