folder Filed in Senza categoria
Arciere
QueenIshtar comment 12 Comments access_time 1 min read
*
*
E l’Amore mi prese come un arciere con arco saettante
come una preda  danzante nell’ingenuità dell’attimo fuggente.
Mi colse fanciulla, tra le membra d’incanto.
Giunse tra gli sterpi e le rose, tra le spine e le stelle,
fu aquila rapace e gentil verdone.
Mi rapì lo sguardo aquilone di nube e gioco di sole.
Ed arrivò freccia che affondò lenta,
nel cuore morbido
di lattea età.
Dolce strazio, amabil tentazione.
E poi l’Amore volò altrove, e pagai il dazio  della libertà.
Si ruppe del filo l’aquilone,
e del senno la ragione,
e l’arciere mi uccise,
solo a metà.
*
*
*
Psiche

© 2006, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono riservati per i rispettivi autori.

Amore Emozione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cancel Pubblica il commento

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine
  1. Parte ricordandomi R. Tagore, e poi diventa come una fiaba.

    Ma quanta verità in questi versi:

    “Si ruppe del filo l’aquilone,

    e del senno la ragione,

    e l’arciere mi uccise,

    solo a metà.”

    :)*

    Ars