menu Menu
Arciere
di QueenIshtar Pubblicato in Senza categoria il 24 Agosto 2006 12 Commenti 1 minuti di lettura
Ofelia Precedente Aspetto Prossimo
*
*
E l’Amore mi prese come un arciere con arco saettante
come una preda  danzante nell’ingenuità dell’attimo fuggente.
Mi colse fanciulla, tra le membra d’incanto.
Giunse tra gli sterpi e le rose, tra le spine e le stelle,
fu aquila rapace e gentil verdone.
Mi rapì lo sguardo aquilone di nube e gioco di sole.
Ed arrivò freccia che affondò lenta,
nel cuore morbido
di lattea età.
Dolce strazio, amabil tentazione.
E poi l’Amore volò altrove, e pagai il dazio  della libertà.
Si ruppe del filo l’aquilone,
e del senno la ragione,
e l’arciere mi uccise,
solo a metà.
*
*
*
Psiche

Amore Emozione


Precedente Prossimo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cancella Invia commento

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine
  1. Parte ricordandomi R. Tagore, e poi diventa come una fiaba.

    Ma quanta verità in questi versi:

    “Si ruppe del filo l’aquilone,

    e del senno la ragione,

    e l’arciere mi uccise,

    solo a metà.”

    :)*

    Ars

keyboard_arrow_up