menu Menu
Alba
Di QueenIshtar Pubblicato in Senza categoria on 4 Maggio 2006 14 Comments 2 min read
ali nel vento Precedente Successiva

L’uomo con il cappello camminava a piedi nudi sul limite delle onde, là dove carezzano la rena sottile e chiara.
Aveva il capo coperto, ma sotto i suoi passi sentiva il respiro della vita.
Camminava ora veloce, ora più lento. Ora affondava nella sabbia bagnata, ora riaffiorava tra le piccole conchiglie rose e la spuma.
Aveva il volto sereno. I suoi occhi….
Erano occhi scuri ma pieni di luce. La luce del sole allo zenit.
Le sue mani, talmente grandi d’afferrare il cielo da angolo ad angolo…e le sue ali. Erano splendide le ali che aveva.Sogni e parapiglia di vita.
Procedeva passo dopo passo.Non volava.Ma sorrideva.
Si fermava ogni tanto scrutando gli sguardi della gente incuriosita. I loro volti, le maschere che portavano.
Pierrot che piangevano dinnanzi alla luna dei loro cuori, celati invece da splendide fattezze d’Arlecchino.
Ma lui no. Non portava maschere. E lasciava che la gioia come il dolore gli irrigassero il viso, disegnando magnifici astri lucenti.
Com’era bello. Ma lui non lo sapeva. Odiava guardare il suo riflesso in occhi che non fossero quelli dell’Amore.
E dovette imparare a camminare suo malgrado molto in fretta. Non dimenticò le lezioni di volo…
Non avrebbe mai scordato come aprire le ali per sentire quel vento.
Il suo cappello era intessuto di nuvole e petali di iris fiorenti.Si tirascinava dietro le sue ali grandi, imperfette e libere.
Ma sorrideva.
Aveva amato.
Aveva sentito il tutto del Kosmos entrargli nelle vene e trasalire sino al cervello, nel cuore pulsante.
Aveva sofferto.
Ma ora conosceva il sapore vero dell’esistenza. Non volava. Correva sereno sotto il sole calante del tramonto.
L’alba nuova non sarebbe tardata a venire.
 
Psyché

© 2006, . Tutti i diritti sono riservati per i rispettivi autori.

Amore Meraviglia Storie d'amore


Precedente Successiva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cancel Invia commento

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine
  1. Aveva amato.

    Aveva sofferto.

    Ma sorrideva perché ha conosciuto l’amore e perché l’alba nuova non sarebbe tardata a venire.

    Ho sempre pensato anch’io così.

    Il tuo modo di scrivere è davvero coinvolgente!

    😀

  2. Hellangel, Adealaide….grazie…è un flusso di sensazioni istintive, nn è ragionato, segue le vie del cuore.ed…

    “Il cuore ha sempre ragione!…diceva qualcuno..;-)

  3. Ti ringrazio Robert…

    E’ un semplice pensiero ispirato…sorto da solo, nel cuore dell notte…

    Le parole sono potenziali emozioni assopite che attendono solo il momento giusto…o forse l’Alba…;-)

    Ti abbraccio

  4. Splendido post, l’ho letto tutto d’un fiato… e un lungo brivido ha percorso la mia pelle… quanta verità nelle tue parole… Amore è anche soffrire… ma solo amando si può dire di vivere a pieno la Vita!

    un bacio

    Gio

  5. Letto, all’alba.

    Dopo una notte senza sonno.

    Chi scrive così conosce l’amore, lo ha visto sorgere e culminare come il giorno nella propria vita.

    Prosa semplicemente incantevole che fa venir voglia che quell’alba… Sia quest’alba, quella del momento in cui leggo…

keyboard_arrow_up