folder Filed in Senza categoria
Adesso vita
QueenIshtar comment 6 Comments access_time 2 min read
***
La vita, inquieta melodia.
La ascolto, è come un tango di Astor Piazzolla, libertango.
Scatti veloci, turbinii e violini che tremano. Insolito gioco di sguardi, mani che si sfiorano prima di perdersi, in una conflittuosa danza. Vertiginosa la musica sale,  e rincorre sospiri che si muovono in uomini e donne, che sembra stiano fuggendo a destini che li incatenano, e che li rendono seppur liberi e franchi. Si infrangono sussulti brevi e ritmati di gioia, su amare e languide arie, e si mescolano riaffiorando dentro a memorie di sogni inespressi. E effluvi di giorni, di pioggia fresca che lascia sentore di malinconia quando il sole riscalda, e soffi dolorosi, e sbuffi di pianto inaspettati e temuti. E poi ancora un altro passo di danza, e la musica cresce e continua. Tutto, velocemente, passa e se ne va cadendo in dimenticatoi aperti al cuore, che una nota rende attuali. E vivono angeli senza ali, rincorrendo se stessi di fronte al vago specchio d’un viso, si feriscono, precipitano, gemono in silenzio. Si rialzano e muoiono in nuove passioni, rapiti dal fascinoso impulso dell’irragionevolezza e da frangenti strappati a monotone tranquillità, figlie d’apparente sicurezza e quiete, che poi implode in rari e urtanti attimi di verità selvatica e pura.
Ogni istante vissuto è un brivido a briglia sciolta che scivola inaspettato senza sosta, esplodendo in un sorriso.
Ed il violino avanza pizzicato da mani esperte, e guida le movenze di chi non crede più a niente che non sia garante di un briciolo di sicurezza e concretezza, e dimentica l’istinto d’un desiderio ardente, o la luce di una sbirciata di vera vita.
E la melodia va, si snoda in contraddizioni feroci ma belle in modo eclatante, senza mezze misure, senza regole o linee di confine, senza tentennamenti. Come un purosangue nero in corsa libera, continua il suo moto questo seducente tango, allegro malinconico, inebriante, ledendo sottilmente la superficie dell’anima , come le spine di una rosa meravigliosa e scarlatta, feriscono la mano insolente e incurante di chi vuol coglierla rapito da un inebriante profumo.
Adesso tango. Adesso vita.
***
**
Psyché

© 2006, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono riservati per i rispettivi autori.

Amore Passione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cancel Pubblica il commento

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine
  1. grazie di cuore….

    ho sempre trovato molto simile il tango alla vita…per il modo in cui si snoda nel ritmo e nel modo in cui si balla…cn il cuore stretto al cuore…

    ballarlo credo sia emozionante ed intenso come una bella giornata vissuta….

    Blu…quando vuoi :P!

    potrei provare ne sn affascinata…ma attento ai piedi …(sei avvisato)

    se poi sai ballare sulle punte…invito io te…. 😉

    un bacio carissimo!

    @-^—

  2. Le tue parole hanno la forza di un tornado ma la contemporanea delicatezza dei petali d un fiore…Scorrono come una danza leggera e si insinuano nell’anima come i rivoli di una sorgente nella terra…

  3. Una pagina stupenda che scivola sulla come un tango, passionale, travolgente, dolce. E’ nostalgia, il tango, è sensualità, è amore. e libertango di Piazzolla è un pezzo memorabile…

    Un bacione