Quello delle persone che ti dicono che non ti parleranno mai più.

Quello delle persone che ti dicono che fai la differenza e poi gli muoiono le parole per spiegarti in cosa

Quello delle persone a cui tieni che scompaiono dalla tua vita e le loro vite non ti devono più interessare

Quello suo che un giorno mi ha detto ci rifletto, e se non avessi smesso di pormi quesiti, ad oggi cercherei ancore risposte. Ché, come al solito, semplicemente sbagliavo domande.

Quello che ti prendi per non dire quello che pensi in quel momento, perché in cuor tuo sai che quella è solo una parte della verità

Quello che ti prendi per non ferire

Quello che ti prendi per osservare come vanno le cose

Quello che non riesce comunque a coprire il rumore dei tuoi pensieri.

Quello delle cose che è meglio dimenticare

Quello delle cose a cui non riesci ad attribuire parole che ti sembrino adatte

Quello di quei momenti che vorresti spiegare, ma poi ci rifletti e sembra che la cosa detta, ne venga svilita, e allora rinunci,

e in silenzio,

ritorni alle parole.

© 2006, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

9 thoughts on “del silenzio

  1. Cabram, i tuoi silenzi sono i miei silenzi, mi hai fatto ripercorrere tanti momenti della mia vita e avvertire con maggiore intensità i silenzi di ora. Molto bello questo scritto, ti faccio i miei complimenti e ti abbraccio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine