E poi più niente. Solo lei nel buio di quella strada tortuosa che si inerpicava su per la collina; così pittoresca di giorno, eppure così triste di notte. Tristezza, ecco cosa l’aveva invasa.  E solitudine.  Paura, anche.
Strano, avevano sempre tentato tutti di farla riflettere sulle cose terrificanti che potevano accaderle per quella strada, ma mai e poi mai aveva provato paura.
…Incontri terribili dovuti ad una gomma bucata, oppure abbordaggi da parte di giovinastri e maniaci.  Se ne raccontavano, o forse semplicemente se ne temevano, pensava lei, di tutti i colori.  Ma niente le aveva mai infuso il senso di paura che aveva provato nell’incontrare se stessa quella sera.  L’aveva vista lì, sul ciglio erboso della curva, con l’andatura altera e trasognata, ma con lo sguardo vigile senza più rimpianti. Vigile, s’era detta nel guardarla, ma poi aveva deciso che era semplicemente acceso da qualche pena recente.  L’aveva guardata ancora e aveva scorto le belle gambe, i tacchi alti, il corpo ben fatto che aveva fatto sognare molti…poi, d’un tratto, il tonfo al cuore e la paura…Era buio pesto, come poteva aver notato tutti quei particolari?  Lo sguardo, perfino.
Eppure l’aveva vista bene e sapeva che quello sguardo teso, inosservato da chi s’era sempre fermato alle fattezze fisiche, era lo specchio sempre più cupo eppure vivo della sua anima che continuava a ribellarsi. Solo allora, d’un tratto, le era venuta la certezza che la donna era la sua immagine speculare: stesso abito aderente, stessi capelli ondulati e rossi nel collo rialzato dell’ampia giacca nera.  Rossi!…Come poteva aver notato il colore, in quel buio pesto in cui neppure un faro aveva illuminato la corsia opposta?  Aveva guardato nello specchietto retrovisore e lei era là, non solo una sagoma che spariva nella notte, ma nettamente delineata nei particolari di forma e di colore.

***

Brano tratto dal libro “L’incontro” di Paola Pica, recensito da Nicla Morletti nel Portale Manuale di Mari.

Vuoi sfogliare e leggere alcune pagine di questo libro? Clicca sull’immagine dell’ebook qui sotto. Se ti colleghi con un terminale mobile CLICCA QUI.
Leggi altri libri di Paola Pica.

Per prenotare la produzione e pubblicazione dell’ebook relativo al tuo libro nel Portale Manuale di Mari e nel Blog degli Autori contatta la Redazione.

[issuu layout=http%3A%2F%2Fskin.issuu.com%2Fv%2Fcolor%2Flayout.xml backgroundcolor=A4112B showflipbtn=true documentid=100220152316-715203fbf9c947b093057014b345d41f docname=incontro username=manualedimari loadinginfotext=L’incontro%20di%20Paola%20Pica width=490 height=347 unit=px]

© 2010 – 2014, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

3 thoughts on “L’incontro di Paola Pica

  1. Cinque racconti, una trama : la ricerca della felicita’ inizia re-interpretando noi stessi.
    Ne “L’ incontro” di Paola Pica trionfa l’ introspezione, affinata dalle emozioni. E la’ dove il successo arride professionalmente, la sconfitta
    emerge sentimentalmente. Un sillogismo sembra dominare i protagonisti, quasi che la vita sia divisa in compartimenti stagni e sia impossibile l’ appagamento completo.
    L’ agile volumetto della Pica merita un’ attenta lettura. Anche per indagare i segreti dell’ animo umano, sempre insoddisfatto e sempre protesa alla soddisfazione.

    1. Caro Gaetano, grazie di questo tuo nuovo commento, che mi dimostra, ancora una volta, la tua attenzione. Mi piace molto la tua immagine della vita divisa in compartimenti stagni, in cui l’appagamento completo non può verificarsi, proprio per la non comunicazione dei vari livelli professionali ed emozionali. Eppure deve esistere un modo perchè tutto ciò avvenga, non credi? Io trovo questa totalità di realizzazione nella scrittura…ma forse hai ragione tu…perchè gran parte di questo mio appagamento avviene sulla pagina ed è, quindi, virtuale e di evasione.
      Aspetto il tuo commento sul CAPRO, sicura che farai ancora centro. A presto.
      Un caro saluto. PAOLA PICA

  2. Ringraziando la Redazione per la pubblicazione dei miei due ultimi (anche se primi nella mia piccola produzione) libri, vorrei evidenziare la bellezza del quadro che ho fortemente voluto sulla copertina di “L’Incontro”,non solo perchè emblematica rappresentazione pittorica del racconto che apre la serie, ma soprattutto perchè intendo così dire grazie pubblicamente all’autrice di LA MAGNA PORTA.
    Questa manifestazione di gratitudine da parte mia nasce non solo dalla sua gentile concessione di pubblicazione della sua opera ma anche dall’arricchimento che, come tutte le opere di vera Arte, ha procurato in tutti noi.

    SERENA PRUNO, oltre ad onorarmi della sua amicizia, è un grande vanto della Toscana e quindi del nostro Blog degli Autori, cioè del Manuale di Mari della Signora Morletti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine