menu Menu
Dato che noi ... (Romanzo a puntate)
Di ognidove Pubblicato in Senza categoria on 23 Giugno 2006 4 Comments 2 min read
Precedente Successiva

Cap.7

Diplomata ed assunta

Link al capitolo precedente.
Joanna a 21 anni si ritrovò insegnante delle scuole superiori, per volere del Preside Hulkoss. Partì con delle amiche, appena diplomatesi come lei, per una vacanza in Svizzera. Finora era stata solo in barca con i suoi genitori, durante le vacanze.
È così che facevano le ragazze di buona famiglia lassù in quella provincia nordeuropea.
Una delle sue colleghe s`era già fidanzata. Joanna con gli uomini giocava, esattamente come aveva fatto da bambina con i suoi compagni.
Non le sembravano cose da prendere seriamente, fiori, cioccolatini, paroline dolci…le sembravano lontani dalla realtà. Fu allegra quella vacanza, come la sua indole, uno specchio del suo animo.
Al rientro la aspettava l`insperato:- Una lettera di convocazione ad un colloquio d`assunzione. Hulkoss esultante…in fondo era la sua rivincita, la pensione anticipata non l`aveva poi tanto soddisfatto, anzi…
Per raggiungere Den Helder per il colloquio Joanna dovette cambiare treno 3 volte.
La scuola era un edificio austero, da poco ristrutturato. Austera anche la Signora Haas, nonchè indiscreta ed un poco arrogante.
La direttrice dell`istituto femminile di Den Helder aspettava impaziente l`arrivo della novella docente dalla fredda e rigorosa provincia di Friesland.
-"Oh, benearrivata, dunque, la Signorina Hulkoss, se non mi sbaglio"
-"Non si sbaglia, sono Joanna Hulkoss, molto piacere di fare la sua conoscenza"
-"Si sieda pure, prego"
Non fu un granchè di colloquio.
Trascorsi i primi 3-4 minuti Joanna aveva già maturato la decisione di andarsene al più presto.
Però s`era anche posta come obbiettivo quello di rendersi indipendente al più presto possibile, ora che per lei il ricevere lezioni era ormai acqua passata. Le due opposte polarità lottavano nella sua mente, dietro quegli occhi di lapislazzuli fissi sul programma scolastico che la Haas andava illustrandole.
-"…così lei riceverà entro 15 giorni l`esito della riunione del corpo docente, e saprà se è entrata o meno a farne parte. D`accordo"?
-"È d`accordo signorina Hulkoss"?
-"Prego..??"
S`era distratta adesso. Aveva capito d`essere stata gradita a quella strega che aveva dinnanzi, e s`era già messa a fantasticare di trovare una stanza nella cittadina, di fare le sue spese, di invitare gli amici…
Era sempre tre o quattro passi più avanti alla realtà, involontariamente.
– "Ma certo signora Haas, la ringrazio di avermi ricevuta e resto in attesa della vostra lettera"
-"Allora arrivederci"
-"Arrivederci"

© 2006, . Tutti i diritti sono riservati per i rispettivi autori.

Amore

Cap. 6

Un ciociaro di servizio

Link al capitolo precedente

Però a Piacenza aveva incontrato Letizia. Letizia era una delle parrucchiere della provincia della bassa.
Una con la camicia, il negozio era suo, gliel`aveva comprato la famiglia. Era anche un bel tipino, appariscente, autoritaria, bisbetica a soli 25 anni come una zitella di 70.
No, l`uomo non aveva cognizione se Letizia gli piacesse o meno. Lui era un uomo anaffettivo, ormai.
Fatto di freni, di sogni, di allucinazioni emozionali tutte mischiate e definitivamente indistinguibili. Era lei, la piccola intraprendente biondina in Vespa, che l`aveva rimorchiato. Attratta da quegli occhi come il carbone, da quelle movenze esitanti in un corpo segaligno, dalla divisa, dalla diversità con i rubizzi ragazzoni delle sue parti. Non l`aveva proprio rimorchiato.
C`aveva fatto conoscenza, che per gli anni `60 è già esplicito.
Così in caserma arrivavano le lettere della parrucchiera.
L`uomo non apprezzava.
Non sapeva cosa farsene.
Anzi se ne vergognava pure, con Bertolucci, che faceva insinuazioni e rimandava a quand`era giovane lui.
Mentiva, Bertolucci.
Il successo con le femmine esisteva da quando c`era la bottiglia. Prima proprio il deserto. Ma i maschi sono galli.
I maschi soffrono di desideri puramente culturali.
L`uomo con i suoi 23 anni di Letizia e delle lettere non voleva sapere, era servita per quel che era servita là in quei mesacci d`inferno, di fradicia pianura insidiosa.
Cercava la cartoleria, quella in cima alla salita, vicino al bastione d`Alghero.
Quella dove comprava da affracancare per le sorelle, al paese.

Carissima Letizia,
mi dispiaccio assai di non scriverti regolarmente, ma i turni ed i servizi mi rubano tutto il tempo. Tu sei molto cara ed affettuosa, ma credo che un mio ritorno a Piacenza si possa escludere. Ho 3 settimane quest`estate, ma il babbo si è sentito poco bene, e le trascorrerò tutte al paese, giù in Ciociaria. Stammi bene, allora, ti mando un abbraccio”

Lettere così sapeva, l`uomo.
La imbucò nella cassetta alla fermata della corriera che lo riportava a Fertilia.
Era stato il suo primo amore da adulto, e nemmeno se n`era accorto.
Questo fa, la miseria e l`incuria agli uomini.

© 2006, . Tutti i diritti sono riservati per i rispettivi autori.

Amore

Cap. 5
Joanna cresce

Link al capitolo precedente

Joanna non realizzò la sua ambizione.
Non la fecero lavorare con i bambini, ma con gli adolescenti.
Il Preside provò in tutte le maniere a spiegare alla figlia che non era il periodo adatto, non era l`epoca giusta, quella loro, per destinare la forza lavoro all`infanzia.
Lei gli tenne il muso, lo odiò per un anno buono. La Germania aveva intanto invaso il territorio olandese e perpetrava la caccia agli ebrei. Questi ultimi venivano costretti a cucirsi una stella sugli abiti, per agevolarne l`immediata identificazione.
Joanna era delusa dal padre e infastidita dalla violenza dei soldati, dalle loro grida, dai loro modi bruti. Per tutta risposta, si cucì anche lei una stella sul cappotto di lana blù. Solo per confonderli, tanto per fargliela vedere, che non li temeva.
Così ogni mattino c`era questa figurina magra magra che usciva dalla patrizia casa all`entrata sud del paese di Kollum, bionda testolina che dire bionda era troppo poco, fili sottili più bianchi che color grano, fili tessuti da ragno più che capelli, tanto erano sottili e chiari, e svelta svelta s`avviava alla stazione ferroviaria.
Gambine, testa biondissima e stella giudea sul cappottino.
La scuola per docenti di scuola superiore era nel capoluogo di provincia, una quarantina di chilometri e un cambio di treno a metà percorso.
Di Kollum non c`era nessun`altra che Joanna. Neppure questa scuola le piacque granchè. Troppe ore, troppa teoria, nessuna attività all`aria aperta, nessuna applicazione al vissuto attuale.
Almeno le permetteva di stare a pranzo dalla nonna, che a Leeuwarden abitava proprio, e casualmente dirimpetto, a soli 15 metri dalla scuola per docenti di Joanna.
Quando la ragazza frequentò l`ultimo anno, quello del diploma, i tedeschi finalmente tornarono a casa loro.
Ma intanto avevano portato a termine non pochi orrori, già che ci stavano, già che vigeva la legge della guerra, dove tutto è possibile, tutto si può realizzare, pur d`anestetizzare e paralizzare la morale od il buon senso.
Il preside si vide uccidere di fronte agli occhi il suo miglior amico, per esempio.
Per la sola ragione che veniva sospettato di nascondere una famiglia ebrea, e che si rifiutava di collaborare nella loro denuncia e cattura. Ecco, il preside era complice di questo protettorato improvvisato.
Non nascondeva egli stesso la famiglia in questione, poichè troppo esposta era la posizione della casa che abitava, ma, come almeno altri 5 paesani, faceva i turni per fornirli di cibo, abiti, coperte, e per pattugliarne l`integrità.
Ma fu purtroppo scoperto uno dei paesani, appunto l`amico del preside Hulkoss.
Per gente della levatura di Hulkoss l`amicizia è quanto la famiglia. No, non parlo della compagnoneria, del cameratismo, delle conoscenze.
Dell`amicizia, quella vena gonfia e nobile che traversa due esseri umani in condizioni di vicinanza e di elettive affinità.
Prese congedo dalla professione il giorno successivo. Una pensione anticipata. Per motivi di guerra, faceva scrivere a quel tempo perticolare e di emergenza il Ministero della Pubblica Istruzione.

© 2006, . Tutti i diritti sono riservati per i rispettivi autori.

Amore

Cap. 4
La puericultrice

Link al capitolo precedente

Lei amava i bimbi. Nossignori, non è affatto implicito, l`amare i bambini. Non è cosa di progesterone, nè di cultura. È cosa accordata internamente, cosa innata.
E glielo diceva, a suo papà, guarda papà che voglio fare la puericultrice, vedi tu di farmi studiare in questa direzione.
Il preside Hulkoss aggrottava le sopracciglia allora, e fissava lo sguardo sulla figlia maggiore, un manico di scopa dai capelli bianco argento come quelli d`un albino. Gli dispiaceva, non farla contenta. Gli dispiaceva sempre ed in ogni caso. Anche se quella ragazzina non fosse stata sua figlia, ma più semplicemente una delle scolarette a cui faceva lezione, ugualmente ci sarebbe stato attaccato, e meno possibile le avrebbe negato un favore, un benestare.
Joanna era in una parola brillante. Lo era senza intenzione, senza impegno, senza alcuna volontà di esserlo. Lei voleva solo farsi i fatti suoi, respirare aria, danzare, giocare a più non posso, leggere i libri più avvincenti, e fantasticare, di diventare grande e prendersi cura dei bambini.
Non era affatto una ragazzina "buona" oppure "diligente", tuttaltro. Era furba e giostrava le cose a suo favore. Era anche pigra, dispettosa, sempre pronta a scherzare più che a star seria. I brillanti, si sa, bambini o adulti che siano, sono accentratori. Tant`è che la secondogenita di Hulkoss, per esser venuta dopo di Joanna, aveva perduto il nome. Per tutto il paese, il Preside aveva due figlie femmine:- La prima si chiamava Joanna, e la seconda si chiamava Sorella. Sorella di Joanna appunto.

© 2006, . Tutti i diritti sono riservati per i rispettivi autori.

Amore

Cap. 3
Sardegna


Link al capitolo precedente

Fu deciso per Piacenza. Destinazione Piacenza. Nebbia e pancera di lana sui reni.
I servizi erano lunghi in mezzo all`umidità della piana. Qualche tempo dopo…ecco la Sardegna. L`uomo fu assegnato in Sardegna, dove soffrì l`inferno. Sardegna, un paesino smilzo ordinato dal Duce a suo tempo, un capo alcolizzato, e deserto, deserto, e deserto.
Non che il paese d`origine dell`uomo fosse tanto differente, poi. Nel 1964 cosa vuoi sia stato lungo il fiume, la chiesetta e le 4 casupole, così equidistante stava già, fra Cassino e Formia.
Ma lì c`era gente nota. E lui era uno di loro.
C`era una sottesa appartenenza, una sottesa innocenza e legittimità dell`infanzia a perdonare la presenza.
Anche se era la cosiddetta "pezza da piedi" del Bertolucci, che andava all`epoca per la settantina, finì per provare una mezz`affezione per il comandante.
Bertolucci non era mai del tutto lucido. Erano almeno sei anni che beveva in continuazione. Ogni tanto però quelle iridi opalescenti e vitree snebbiavano un poco, s`apriva la lente, era l`unica persona con la quale scambiare due parole.
L`uomo era così bisognoso di riferimenti, di guida, di parole amiche. Egli era smarrito e minato fin dalla tenera infanzia.
Del resto non andava meglio ai suoi fratelli. Non andava meglio a tutta la sua generazione.
Ragazzi che avevano visto bombardare Cassino a dodic`anni d`età.
Gli tremava la terra sotto ai piedi, il loro sangue era incerto, la loro mente cauta ed apprensiva.
Fertilia. Quando smontava di servizio la prima cosa era lasciarla. Lurida, piena di cani affamati tutti costole e pidocchi.
4 pescatori e un paio di donne con le mani grosse, i baffi, le vesti sempre nere.
La corriera lo portava ad Alghero.
C`era un pò di brezza ed un pò d`umanità, lì, almeno.

© 2006, . Tutti i diritti sono riservati per i rispettivi autori.

Amore

Cap. 2
  Il distacco

Link capitolo precedente

Fece ciò che doveva, seguì la trafila, come gli altri, come tanti animali.
La sicurezza della gregarietà era stata già spesso, per l`uomo, l`unica. E fu allontanato dalle sue parti.
Non che la cosa lo affliggesse.
Era solo una privazione di riferimento. Le sue parti…non gli erano più o meno care del ripetersi di un giorno appresso all`altro.
Per l`arma, lui era 60Kg di carne in più, un nome, un altro. Prendette il treno, allora, come tuttora dalla stessa stazione di Cassino la popolazione prende. Sale sul predellino, inala quegli odori che solo le stazioni hanno, riempie le orecchie di quei sferragliamenti e annunci snocciolati all`altoparlante. Che deve fare, la gente. Prende il treno. Era il secondo distacco per l`uomo. Quando l`uomo era ragazzo al paese c`era la fame, no, non quella d`affermazione. Quella gastrica. Così il padre dell`uomo affidò uno dei 7 figlioli ad una parente, in un paese distante. Che lo accudisse lei, che togliesse loro quell`animetta in più che chiede pane, pane, e ancora pane.In linea d`aria magari non erano molti chilometri. Ma Aurunci ed Ausoni la fanno lunga, per i camminatori. Sanno come farli sudare e desiderare di fermarsi a riposare. Esigono polmoni, oltre che gambe. Fu allora, in quel primo distacco, che si strappò all`uomo la possibilità di sviluppare una corretta ed armoniosa affettività. Ci sono fasi, durante l`infanzia, in cui non bisogna tradire il bambino. E ce ne sono altre in cui si possono chiedere invece prove anche dure ed esplicite al bambino, poichè egli ha accumulato il necessario instrumentario per farcela. L`uomo era inerme, quando bambino, lo si distaccò dalla sua matrice. Non ebbe più, fino data corrente, occasione di riparare. Alcune cose sono, per loro natura senza ritorno.

© 2006, . Tutti i diritti sono riservati per i rispettivi autori.

Amore


                                              Cap.1
                                Comparizione
Un uomo voleva mangiare. Cioè voleva affermarsi, conquistare la sua dignità, poter entrare in chiesa con il cuore aperto, ed andare al lavoro al mattino con energia.
Ma, dopo la guerra, solo devastazione c`era.
Era un uomo sensibile, delicato, molto vulnerabile.
L`unico rapporto leale che aveva, era quello con i libri. L`istruzione dopo la guerra. Per chi se lo poteva permettere. L`uomo, pur di mangiare, entrò in Pubblica Sicurezza. Non era un brutto ragazzo, anche se aveva già molto sofferto, già grossi morsi gli aveva staccato dai fianchi la malinconia, e la certezza di non appartenere a niente ed a nessuno. Aveva dei tratti del volto, e del corpo, ripetuti per tutta la sua schiatta. Esseri un poco magrebini, gracili e dalla pelle scurastra, lignei, spigolosi come gatti selvatici. Molto sensibili all`alcool, tutti. E tendenti all`infelicità.

© 2006, . Tutti i diritti sono riservati per i rispettivi autori.

Amore


Precedente Successiva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cancel Invia commento

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine
  1. …grazie, grazie…di cuore, fanno sentire pieni di gioia gli apprezzamenti.

    Sì però siamo sempre ospiti … un capitolo alla settimana, forse due…così mi sembra una giusta centinellatura…

keyboard_arrow_up