Di parole e sogni

Articolo precedenteHaiga – Tanka
Articolo successivoTienimi stretta

Di parole e sogni
resta solo l’aria
umida di te.
Giorni interminabili
attenti ai suoni
e notti grondanti
di passione recisa,
nell’attesa di attimi rubati,
io, ladra di sguardi,
sento urgente
una metamorfosi di pelle:
conserverò le squame
per farne una corazza,
la indosserò nei tempi bui
e tu non potrai ferirmi
mai più.

 

Opera pubblicata nell’Antologia del Concorso di Emozioni 2007

© 2007, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

6 Commenti

  1. Bellissima poesia, meravigliosa l’espressione ‘di passione recisa’ che sembra assimilare la protagonista a una rosa colta nel suo sbocciare dall’amore che a volte ferisce e dal quale occorre difendersi. I miei complimenti, ti invito a visitare il mio blogLenio Vallati.

  2. Oh dio amore quanto dolore vuoi ancora ?
    I tuoi versi sono splendidi già assaporati aprendo quello scrigno prezioso che è l’Antologia del Concorso di Emozioni …
    Un abbraccio Ambradorata

  3. “sento urgente
    una metamorfosi di pelle:
    conserverò le squame
    per farne una corazza,
    la indosserò nei tempi bui
    e tu non potrai ferirmi
    mai più.”

    La corsa agli armamenti. Autodifesa che straborda d’ansia e paura. E, , in un secondo momento, la spada impugnata per l’attacco?

    Sentita!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine

© 2020, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti