Di parole e sogni
resta solo l’aria
umida di te.
Giorni interminabili
attenti ai suoni
e notti grondanti
di passione recisa,
nell’attesa di attimi rubati,
io, ladra di sguardi,
sento urgente
una metamorfosi di pelle:
conserverò le squame
per farne una corazza,
la indosserò nei tempi bui
e tu non potrai ferirmi
mai più.

 

Opera pubblicata nell’Antologia del Concorso di Emozioni 2007

© 2007, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

6 thoughts on “Di parole e sogni

  1. Bellissima poesia, meravigliosa l’espressione ‘di passione recisa’ che sembra assimilare la protagonista a una rosa colta nel suo sbocciare dall’amore che a volte ferisce e dal quale occorre difendersi. I miei complimenti, ti invito a visitare il mio blogLenio Vallati.

  2. Oh dio amore quanto dolore vuoi ancora ?
    I tuoi versi sono splendidi già assaporati aprendo quello scrigno prezioso che è l’Antologia del Concorso di Emozioni …
    Un abbraccio Ambradorata

  3. “sento urgente
    una metamorfosi di pelle:
    conserverò le squame
    per farne una corazza,
    la indosserò nei tempi bui
    e tu non potrai ferirmi
    mai più.”

    La corsa agli armamenti. Autodifesa che straborda d’ansia e paura. E, , in un secondo momento, la spada impugnata per l’attacco?

    Sentita!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine