Come il primo fiocco di neve dell’inverno sulla punta del naso o il sapore dolce del primo bacio inesperto, ma anche come la rabbia ruvida e bruciante della prima sconfitta o di una grande delusione. Come ogni stella cadente che attraversa il cielo e ci fa capolino, anche questo giorno passa in fretta, lasciando una scia un po’ confusa e tutta d’oro di parole, sguardi che s’incrociano e odori. Il matrimonio di Flo è un arcobaleno che tarda a sparire.
Sono certa che non dimenticherò Margherita e il suo pancione, quasi ostentato come un dono d’amore di cui andar fieri e coperto dal suo elegantissimo vestito blu lungo fino alle caviglie. Non dimenticherò Patty avvolta in una stola che la rendeva più appetitosa di una crème brulée, né Miriam che sfoggiava un look da conquistatrice maliarda come non mai e neanche Carlò, sorridente e rilassata in un vestito insolitamente femminile e provocante. Non dimenticherò nemmeno l’occhiolino di Fabio e il suo sguardo compiaciuto che mi apprezza fin da lontano, ma soprattutto non riuscirò mai a dimenticarmi Flo, che entra al braccio di suo padre, leggera come se i suoi piedi non toccassero terra… come se non fosse lei! […].
Eccoci là, tutte in fila, tutte insieme, nonostante tutto. Come in una sinfonia, ognuna di noi se ne sta come la nota giusta sull’esatto rigo del pentagramma: l’amicizia non fa stecche, è la sola canzone perfetta che ogni voce può intonare.
Per un attimo mi sono sentita veramente fortunata ed è questo attimo che voglio tenermi dentro e ricordarmi per sempre.

***
Brano tratto da “Pasta Bianca” di Monia Scarpelli

Immagine: Unità di Monica Stewart

© 2008, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

6 thoughts on “Pasta Bianca

  1. Cara Monia,complimenti del tuo racconto “pasta bianca”.
    È semplice e scorrevole e potrebbe essere accumunato a quelle commedie in vernacolo che mettono in evidenza particolari atteggiamenti comici “Eccoci là, tutte in fila, tutte insieme, nonostante tutto. Come in una sinfonia, ognuna di noi se ne sta come la nota giusta””
    Affettuosi saluti
    Sergio doretti da firenze.

  2. Bel racconto, spiritoso, e molto scorrevole. Nell’amicizia ci possono essere dei momenti di invidia, ma poi, come in una grande orchestra, tutto viene superato in nome di qualcosa di più grande.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine