folder Filed in Poesia, Prosa
16 febbraio 2006, ore 17.28
MIKROKOSMOS comment 3 Comments access_time 1 min read

E quelle sarebbero le tue parole?
Dovrei leggervi il fascino, ma vedo solo pietre rotolanti giù dalla collina del disonore precipitare a valle, piombare in un trogolo mentre tu arranchi per raggiungere il monte.
Non vedo nessun mosaico, solo il tuo piumaggio tatuato e tu che corri, ti affanni nel tentativo di dare un significato alla tua microstoria.

Stop.
Il tempo è finito.
Sei fuori tempo massimo.
Ti ho affidato i dieci numeri della combinazione.
Con riconoscenza mi hai ringraziato tre volte baciandomi come Giuda e per sette denari li hai venduti ad Andrea, di professione scassinatore masterizzato.
Mi hai costretto ad acquistare un’altra cassaforte “con sistema a combinazione elettronica digitale a due schede, due microprocessori, testato CE, protetto da perturbazioni elettromagnetiche esterne, 111.111.000 combinazioni possibili, alimentazione a batteria, possibilità di alimentazione d’emergenza, test di manipolazione, blocco antimanipolazione.”
Sei stato troppo breve, sei stato perfetto nell’ottimizzare la fretta.
Continua pure a mangiare le tue zuppe di fagioli in scatola, a raccogliere le tue rovine, a giocare a nascondino, a strisciare nell’erba, a filmare gli incendi, a fotografare gli incidenti.

Io mi fermo, mi riposo.
Mi regalo il tempo per pensare e contemplare.
E tu continua pure a correre, a sbandare, a caracollare come un’auto senza controllo.
Finirà che ti cappotterai almeno tre o quattro volte finendo in un fosso, per salvarti dovrai praticarti una mini-toracotomia.
Allora sarai contento.
Finalmente avrai avuto la tua notizia da prima pagina.

© 2006 – 2008, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono riservati per i rispettivi autori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cancel Pubblica il commento

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine
  1. Uno sfogo da leggere d’un fiato…ironia…rabbia

    L’ambizione è necessaria per riuscire nella vita ma risulta distruttiva quando a lungo andare rimane l’unico sentimento provato…

    Francy 😀