Non c’era picco e non c’era fondo
Tutto era perfettamente infinito
L’edera s’avvinghiava
in un crescendo
d’inarrestabile ascesa
Le sue radici affondavano
senza approdo alcuno
L’essenza tangibile
fingeva ostacoli
La terra, le nubi, la pioggia
non ci ossidavano
Eravamo come fantasmi
che passano da parte a parte
Essenza impalpabile,
freddata,
forse,
dalla sua stessa essenza…

© 2006, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

3 thoughts on “Il limite dell’infinito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine