Crescendo –

Ci sei sempre tu nei miei pensieri
mentre cammino a passo lento per i soliti sentieri
ci sei tu, oggi
come c’eri ieri
non raccolgo mai quello che semino
mi perdo tra un sorriso e una poesia
fatico a ritrovarmi seguendo la tua scia.
Credo di sapere,
di percepire il tuo dispiacere
non ho nessuna forma di appartenenza
fuggo da te perché non posso vivere senza.
Contraddico il mio volere
fuggo da te perché è quello che mi riesce meglio fare.
Forse stai sola con me
perché non sai vivere sola con te,
lunga è la notte in attesa del tuo ritomo
poi ti stenderai accanto
e in un attimo sarà di nuovo giorno
chissà, se sarà quello in cui ti ritroverò
e, pur lontano che sia
non credo questa notte le stelle ti porteranno via.
Mentre mi avvicino
vorrei gridare al cielo che ti amo
ma non riesco neppure a stringerti la mano
un calicantus mi inebria di luce e profumata nostalgia
l’immenso dei tuoi occhi mi riempie di poesia.
Vorrei dedicarti ora le frasi più dolci e sincere
ma dai tuoi occhi e dal tuo viso stanco non posso che fuggire
cercando nella solitudine il mio equilibrio fragile e sottile.
Domani dovrò fare senza te
già me lo hai insegnato
e da una parte o da un’altra dovrò dimostrare che ho imparato.
Cercherò nei ricordi una cordata di serenità,
ora, so che non posso essere felice senza un velo di nostalgia
questo è quello che ho imparato
anche se forse non sei mai andata via.

***

Spirito libero

Ricordo tutto di te
anche se non conosco nulla
ti vedo
cordiale, distratta, assorta, triste,
così vicina
ma deliziosamente irraggiungibile.
Ho abituato i miei occhi
a respirare il tuo profumo
come un ladro timido e discreto
quasi neanche me ne accorgo…
ho imparato a chiamarti
anche se a me è estraneo il tuo nome
ho scolpito nel mio ego il tuo sorriso
dolce e intenso
misurato e deciso.
C’è complicità nel tuo sguardo
c’è il desiderio di non soffrire
ci sono tutti i giorni passati
in fila
uno dopo l’altro
c’è un’energia che cattura
e mi fa sentire
felice, impacciato, leggero, disperato,
in una frazione di attimo.
Non appari mai nei miei sogni
perché i sogni non sono belli come decantano
appari tutti i giorni nella mia realtà
sei un’onda anomala
che sbatte contro gli scogli della mia timidezza
e infrangendosi disperde tutti i miei confusi pensieri.
Mentre ti osservo da dietro le sbarre dei miei errori
penso…
vorrei fossi prigioniera
libera sei inarrivabile
sei impossibile per i miei occhi
e non possiedo le chiavi per poter fuggire dall’inutile.
Sei la tranquillità e il tormento
sei l’inverno che lentamente mi sorprende
sei la voglia di volare fino ad accarezzare il cielo
sei la sveglia del mattino
che vibra e fa pulsare il cuore
a ogni battito una luce
i tuoi occhi che sorridono.

***

Dal libro Come un cane… Con un cane di Luca Gamberini

© 2010, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

22 thoughts on “Come un cane… Con un cane di Luca Gamberini

  1. Maria,mi lasci senza possibilità di replica, forse ti farà piacere che ho pronto il mio secondo lavoro, che poi,nonostante l’entusiasmo di chi lo ha letto non so mai se uscirà che nessun Editore serio mi fila,ma qui nel clan sono tutti fiduciosi 😀 magari un giorno riuscirò a donartelo.
    Un sorriso,luca

  2. L’ansia del fanciullo si coglie anche nella sontuosità e neella raffinatezza del tuo poetare. Ti distendi come arco…a narrare di amore in modo mai banale, a renderlo voce perduta, a tratti presente, a tratti desiderata. E canti, Luca, come pochi sanno fare…soprattutto in versi liberi. Hai la melodia nell’anima e invidio con affetto la capacità con la quale riesci a trasferirla in poesia.
    Tu abiti ogni stanza del vivere, credimi. Sei un lettore d’anime e un Piccolo principe chiuso nella sua serra…ma ogni serra ha porte aperte sul sole, non serrature inespugnabili. Spero di diventare uno dei tuoi fiori per essere innaffiata da tanta levità nel dire e tanta grandezza nel versificare…non la rosa…lei è in molte liriche, forse in tutte e tu abiti soprattutto accanto a lei!
    Leggerti è perdersi in altri orizzonti, inseguire l’alta marea delle emozioni, il mal d’anima della nostalgia e fondersi con i tuoi stati d’animo, così reali, concreti, eppure sfuggenti. Un canto che è specchio dell’esistenza di ognuno di noi, che ha note così alte da…rompere il cuore …Sei un essere speciale, non sono solita dirlo… Maria

  3. Caro Luca,
    ho trovato il tuo libro al rientro, ho sorriso leggendo la dedica originale come il tuo essere. “Tutti sanno dove trovarti”, perchè, in fondo, abiti in ognuno di noi, sei specchio di infinite realtà , di infinite verità.
    Grazie del libro e dell’umiltà con cui ti doni. Un abbraccio commosso.

    1. ecco,Maria ci tenevo che arrivasse presto,con l’ansia del bambino quando fa una sorpresa e gli scappa detta prima,vedi, tu non hai pietà per la mia poca autostima 🙂 mi fai sentire obliterato,grazie 🙂

  4. Ciao Luca,
    ho avuto il piacere, in data odierna, di ricevere il tuo libro omaggio che ho molto gradito. Non è un’emozione da poco. Tra un po’ (arrivano le meritate ferie!!!!) sono più libera di leggermi, pagina dopo pagina, della tua vera essenza. Grazie e ti farò sapere ciò che mi ha trasmesso il tuo libro.
    Saluti da Alba

    1. è che sono triste in questi giorni,più che triste combattuto e forse basterebbe una e in più per essere felice,ma la tua presa di posizione positiva nei confronti di chi mi abita, rende questo vivere più abbordabile,grazie,e buone ferie Alba(ne ho vista una meravigliosa giorni fa ai lidi ravennati)

  5. cioè Maria, a leggere mi viene d’acchito… ma parla di me?
    in alcuni stati d’animo mi hai intuito dentro e non è facile come può apparire, perchè io non è che esisto, ma appaio quando mi si “scopre”. Un sorriso 🙂

  6. Pensavo che essere Poeti fosse avere molteplici canti…versi essenziali, asciutti, …mi hai fatto cambiare idea, Luca, stupendomi, trascinandomi nella tua melodia traboccante di figure retoriche, di similitudini, di malinconia. Rima baciata come le tue, priva dell’incredibile efficacia delle tue! La rima può portare verso la cantilena, può rapinare la lirica dell’essenza, tu trasformi tutti i luoghi comuni, sei un innovatore che rifugge gabbie, assiomi…e risulta poderoso!
    Un lunghissimo dolce urlo dedicato all’assenza, alla stagione dei ricordi e della nostalgia. Una storia in poesia… La storia dei sentimenti che appartengono a tutti…forse anche al cane…e che bruciano l’anima…
    Leggendo anche i commenti ti ho colto ‘filosofo’ e fanciullo, forse inconsapevolmente. Un bellissimo personaggio, che non ama la ribalta, ma è nato per il palco…e anche questo mi ha sorpresa ed emozionata. Grazie! Sono più ricca…

  7. Sono davvero contenta di aver ricevuto stamani il tuo libro caro Luca. Lo leggerò con la dovuta attenzione una seconda volta…la prima me lo son letto immediatamente 🙂
    Grazie grazie!!!
    Grazie (tre è il numero perfetto)
    Buona estate!

  8. le so quasi a memoria..
    son talmente belle, un velo di malinconia ..che malinconia non è…
    sono come nuvole ,si posano sul cuore..
    e non vanno più via…

    ma sopratutto conoscendo lù…
    da un pò…
    sono tutto il suo mondo…

  9. Come un cane (solo)…. Come un cane (per amico). Luca Gamberini sembra preferire il “quattro zampe ” al ” due mani “.
    E nelle sue liriche, infatti, traspare un’ implicita sfiducia nei nostri simili (spesso simili ai piranha).
    Luca sfoggia, tra i versi, una sensibilita’ acuta, che porta natruralmente al pessimismo cosmico.
    Spero di leggere il suo libro per tenere al guinzaglio il mio (mal) umore e metter la museruola alla dispersione del tempo.

    Gaetano

    1. Gaetano,touchè. Felice di inviare una copia,ma non ci si aspetti nè la fine del mondo nè l’inizio di nuove ere,sono pensieri in movimento sfociati nel delta di dita disposte a dimenticare.
      grazie:)

  10. Alba,in fondo la vita non è che una decina di minuti di attimi,grazie per l’attenzione donatami

    Stefania, ti ringrazio tanto per i complimenti che non penso di meritare in toto dal momento che io non credo di avere scritto ciò che tu non smetti di leggere..:D probabilmente sarà un caso di omonimia..:-) la magia dell’essere rapiti è un premio che tocca alle persone più sensibili,grazie 🙂

    Calliope 🙂 sono 5 minuti che vorrei rispondere e sto qui a scrivere e cancellare,ma non trovo parole adatte,grazie :$

    1. Luca,
      lascia le tue repliche direttamente nei commenti dei lettori (cliccando sul tasto “Replica” presente sotto ogni commento). In questo modo gli interessati possono notare più facilmente la tua replica.

      Buona Fiera!

  11. Ho sempre creduto che nella malinconia venga fuori la voce dell’anima, sincera e imperturbabile.
    Questo è ciò che sento leggendo queste parole dell’anima di amore infinito.
    Complimenti Luca

  12. Ciao Luca,
    che belle poesie, mi hanno rapita, e sono andata in cerca di te e ho trovato “Di strada” che non riesco a smettere di leggere….grazie

  13. Ogni spirito libero ha la caratteristica come il vento di muovere in un solo attimo la tua vita. Quell’atttimo sembra eternità e il ricordo sempre vivo di quell’incontro ci lascerà mentre speriamo l’impossibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine