Lui è arrivato così. Prendendomi alle spalle. Senza neanche darmi il tempo di voltarmi.
Ma ho capito subito che era Lui, perché il mio cuore e la sua voce parlavano all’unisono.

Come può un uomo iniettarmi all’istante un potente fluido vitale con la forza misteriosa di un sorriso?

…E poi la mia coscienza ha lasciato il posto a un canto sconosciuto…

Tu ridi
onda che accarezza
il bagnasciuga,
profezia di gabbiano
che scompare nel sole.

Mi guardi
onda che trapassa
antichi scogli,
infrangendo
barriere
dimensionali

Tu vuoi
solcare
le superfici trasparenti
degli attimi

…è questo che il mio abbaglio
mi consente di scorgere
per un’ultima volta

prima di venire
da te, solo da te
travolta.


Angie

© 2006, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

7 thoughts on “Onda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine