Quanta pena raggomitolata
in gesti frenetici di un quotidiano stagnante
quanti pensieri offuscati
avranno abitato
la tua mente assopita
che viveva di riverberi del suo ricordo
chissà se le tue orecchie
avranno ancora saputo udire
dopo il suo saluto.
Solo il rumore dei suoi passi
in sottofondo
a cullare lo scorrere dei giorni
aggrappata allo stesso filo
che tessevi
sperando di non specchiarti in un miraggio
ma di poter tornare ad udire il suo respiro.

Sonia

© 2007, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

11 thoughts on “Penelope

  1. Ammiro “la forza” di Penelope…

    Si è sempre detto “in amore vince chi fugge”.
    Io credo che vinca chi ha il coraggio della pazienza. Se Penelope non ne avesse avuta esi fosse stancata, Ulisse al suo ritorno non l’avrebbe trovata e tutto sarebbe finito…
    Malinconica e coraggiosa.

  2. Elegante. Raffinata. Per leggerti è necessaria concentrazione… allo scopo di carpire i messaggi insinuati indue soli, lunghi, eloquenti periodi…
    Io non ci riesco… t’invidio! Complimenti sinceri, ammiratissima; suggestiva anche l’immagine e il suo grigiore sfumato di bianco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine