Abbandonato
l’intelletto si costringe in volute di sconforto
per te che lontana di passione
ti rigiri in frasi da notaio
e chiudi in ceralacca il ticchettio del tempo.

D’autunno in fiore non è albero
l’amore che dimora nel mio campo.

Pulsa a scroscio
il ritmare usuale di parole contro parole
in te che pervasa dell’assenza
ungi la ruota al correre dei giorni
a indovinare futuro dentro una sfera.

Da seme spontaneo nasce l’albero
s’abbevera di pioggia al naturale.

Rimbomba a tuono
il ruggito del cuore solitario a notte
su te che nelle profondità del sonno
albeggi un sogno vestito
e disiggilli l’armadio dove appendi amore.

E sarà albero di frutti a maggio
sarà il giorno in cui nascono ciliege.
 

© 2008, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

6 thoughts on “Verrà il giorno in cui nascono ciliege

  1. E quel giorno sarà una fioritura di frutti dell’amore, quelle ciliegie così succose e rubine, e della rinascita che in questi tuoi magistrali versi leggo così bene espressa. Da quell’armadio disiggillato sarà amore a respirare, finalmente.
    Sei grande.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine