menu Menu
Poetica_mente."E quello che vorrei dirti di più bello non te l'ho ancora detto"
Di GiardiniDiMaya Pubblicato in Senza categoria on 2 Giugno 2006 19 Comments 2 min read
La Porta Precedente Successiva
- Domani mai più -
Affido alle impetuose onde
che s’infrangono sulla scogliera
le mie parole per te
in questa notte cupa e solitaria
abitata da lacrime e rimpianto
Le affido al furioso vento
che lacera l’anima mia
di tempesta e di dolore
affinché le porti a te
al di là dell’orizzonte infinito
nella culla di evanescenti stelle
ove ora dormi per l’eternità
ninnato dalle preghiere mute
di chi è qui ancora e sempre
su questa riva di gelide pietre
Affido all’angosciato silenzio
le mie parole più dolci e più belle
quelle che non ti ho sussurrato mai
quelle che conservavo con riguardo
nello scrigno recondito del cuore
come gemme preziose
riservate a te
- Gliele sussurrerò domani
domani lo ricoprirò di perle
le più pregiate e luminose -
Le centellinavo con minuzia
dosandone poche alla volta
come prodigioso balsamo
destinato a curare le ferite
dell’impervio e fatale vivere
con la dedizione di chi trovava
nei tuoi occhi d’azzurri cieli
la ragione d’esser nata
Erano la tua felicità
le mie parole per te
la tua gioia più grande
erano il mio trasporto
erano la mia essenza intrisa di te
Le sceglievo con cura
affinché impaziente tu tornassi 
nel porto sicuro del mio abbraccio
domani e domani ancora
Ti aspettavo trepidante ed ansiosa
con la mia valanga di carezze
e di parole trattenute a fatica
perché non sgorgassero
come lava incandescente
di un vulcano impazzito
Fremevano loro in attesa di te
serbate in seno perché non fuggissero
come istanti troppo brevi e già finiti
per non saziartene
perché non fossi mai ebbro
perché ve ne fossero ancora
senza mai fine
- Domani lo amerò
come oggi e di più ancora
lo aspetterò con il mio tesoro
di parole per lui e lui soltanto -
Ancora aspetto quel domani
ancora aspetto il tuo ritorno
col mio fardello di inutili parole
rotte da un inconsolabile  pianto
Si spengono soffocate in gola
come un grumo inestricabile
quelle parole mai pronunciate
aspettando te
e quel domani che mai sarà
mai più per noi
- Maya -

© 2006, . Tutti i diritti sono riservati per i rispettivi autori.

Poetica mente


Precedente Successiva

Rispondi a ReverendOscuro Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cancel Commento all'articolo

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine
  1. La tua stupenda lirica,mi ha convolta,e anche commossa.E’ grande il sentimento di amore.per colui,che hai amato,condiviso insieme, momenti di grande magia. E il suo ricordo ,sempre costante ti accompagna..nell’attesa che lui,possa ritornare..La porta del cuore è sempre aperta!..Un grande abbraccio Dora44.

  2. Mi sembra di vederle in viaggio verso la meta, queste parole fragili e forti allo stesso tempo, fino a sfantumarsi nell’amarezza finale.

    Stupenda.

  3. … avere la considerazione di una persona capace di scrivere versi così suggestivi mi lusinga tantissimo… Mi commuove nei tuoi versi, una condizione che mi sembra di conoscere: la potenza dell’amore così indomito e assoluto che pur tuttavia si scontra con limiti terreni di cose che accadono…

    Un abbraccio

  4. L’ho letta una, due, tre volte…è una emozione tanto forte e tanto struggente che vale la pena assimilarla una, due, tre volte…

    Grazie Maya, sai regalare veramente perle d’amore. Marco

  5. Grazie di cuore, amici carissimi. Le vostre parole di encomio alla mia poesia mi commuovono oltre ogni dire. Siete meravigliosi.

    Trovo veramente lodevole e bella questa iniziativa Poetica_mente con cui ci è stato chiesto di creare una poesia “a soggetto” sulla base di un verso che, al di la’ della grandezza di Hikmet, si presta veramente ad essere fonte di ispirazione profonda.

    Sono felicissima di essere tra voi e vi abbraccio tutti con infinito affetto.

    Maya

  6. Maya. Hai dato consistenza a miei pensieri d’amore e di paura…

    Mi ha fatto riflettere su cosa sarebbe la mia vita senza il mio compagno ed ora a stento trattengo le lacrime…

    Grazie per aver ferito la spessa scorza della mia anima…

    Forsa la tua poesia è la più bella di quelle pubblicate oggi…

  7. Letta e riletta molte volte come tutti penso avranno fatto.

    In pochi autori come succede con te si coglie questa intenso profondo sentire.

    Le parole non dette all’uomo che non ritorna… Sono le parole che fanno più male.

    Grazie Maya, onorato di ospitare i tuoi intensi e nobili versi nelle pagine di questo umile blog.

  8. Non so spiegare questa mia sensazione d’angoscia…

    “nella culla di evanescenti stelle ove ora dormi per l’eternità” forse parte e si dirama da questi versi.

    Come qualcuno che sia venuto a mancare. Non so forse mi sbaglio…

    Ma non posso fare a meno di rileggerla

    Un bacio

    Francy

  9. Sono commossa…

    mentre leggo piccole lame di dolore mi feriscono.

    Conservare qualcosa con tanta cura al fine di donarla e rendere felice chi si ama per poi avere la consapevolezza che tutto è stato inutile, che mai più potrà essere, fa male tanto.

    Le tue immagini vivono…

    Un abbraccio grande grande

    Francy

  10. I tuoi versi mi hanno commosso, per come sei, per quello che dici, per come lo dici. E da questi tuoi versi si può imparare molto sull’amore. Tu credi di non aver detto tutto, io penso che tu abbia detto molto di più, molto di più, solo con il tuo modo di essere. Non si comunica solo con la parola. Un abbraccio.

    Ilaria è molto dispiaciuta di non poter commentare, è fuori sede ed ha problemi con la connessione. Lo farà appena possibile.

  11. una delle liriche più belle che tu abbia scritto ad oggi e ch’io abbia avuto la fortuna di leggere. Ti abbraccio, sei una conferma giorno dopo giorno. Credo tu sia una persona “vera” che scrive quello che sente ed è lei stessa..sembra un’ovvietà ma t’assicuro non lo è..tu sei splendida. Manuela

keyboard_arrow_up