Ti aspetterò mia amata,
una notte di maggio,
nei giardini pensili di Babilonia.
Andremo lieti, mano nella mano,
lungo i sentieri che furon di Semiramide.
Sospiri spezzati saliranno in cielo,
come timida brezza marina mai sopita.
Laverò i tuoi piedi con l’acqua santa.
Li asciugherò nella seta più raffinata.
Poi ruberò i cirri più belli, 
e li trasformerò in soffice alcova.
Una melodia riempirà la notte di note perlate.
Un dolce piacere, leggiadro,
si prenderà gioco delle nostre anime,
lasciandoci nudi e felici.
Come bambini innocenti.
Non serviranno parole, a dipingere il cielo di blu.
Ne promesse, a colorar di rosa  i tramonti.
In un eterno istante,
sarà racchiuso tutto il senso di una vita.
E allora sapremo.
Che il paradiso è qui, ora e per sempre.
Come quella stella, che trasognati guardammo,
un attimo prima di…

© 2007, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

5 thoughts on “I giardini di Babilonia

  1. In un eterno istante,
    sarà racchiuso tutto il senso di una vita…
    Che dire davanti a tanta profonda poesia…
    Mi unisco anche io agli applausi.

    Un saluto
    Annaluna

  2. Che incanto!
    Una lirica dal sapore antico, versi di un romanticismo senza tempo in cui è dolce avvolgersi per sognare d’amore.
    Felice di segnalare questa perla.
    Un applauso
    Maya

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine