Quanto t’amo, dolcissima,
mentre  ti bagni baciata dal mare quieto
che profuma di spezie resinose
rubate al bosco
mentre l’acqua si spinge sino alle radici degli alberi
coperte dalla sabbia polverosa.

La libellula iridescente e instancabile
si districa  come un’acrobata coinvolgendoci
tra i rami protesi l’un verso l’altro
che si abbracciano incapannando ogni viale
e una cicala più delle altre stride
sul pino che ora ci accoglie con la sua ombra
sotto la sua chioma ad ombrello.

Gli aghi più alti vibrano veloci
nell’aria che li  muove,
il tronco trema sotto la mano che l’accarezza.
La risacca  cancella
sulla sabbia umida e compatta
or l’una or l’altra  delle tue  labili impronte.

Il giorno é ormai finito,
tu mi vieni accanto
passeggiando lievemente lungo il mare,
verso la notte
mentre il sole nel cielo si allontana sotto le onde.

© 2010, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine