folder Filed in Poesia
Specchi
Francesco Ballero comment One Comment access_time 1 min read
Specchi
 
E’ sordo e senza accento
quello specchio
Lì tu ti giri e rigiri
ed ammiri
ti aggricci ti distendi
e poi sorridi
lì ritorni irrequieta
ché diffidi
C’è l’essere o il nulla ?
Che risposta t’aspetti ?
C’é un dio senza storia.
Qui nello spazio che avvia
la memoria
qui sono io che tu attendi
ora nella stagione
provvisoria
dove fioriscon gigli
e crisantemi
puoi raggiungermi
e poi a te ritornare
se solo vuoi
puoi lasciarti amare.
 
© Francesco Ballero

© 2006, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono riservati per i rispettivi autori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cancel Pubblica il commento

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine
  1. Molto interessante questa metafora dello specchio…

    Per associazione di idee mi viene in mente tutti i tentativi che fanno alcune persone per definire la propria identità ed il proprio posto nel mondo attraverso l’esteriorità e le cose materiali…

    Ma sono solo immagini effimere…non raggiungono mai neanche a scorgere la loro anima…