Specchi

Specchi
 
E’ sordo e senza accento
quello specchio
Lì tu ti giri e rigiri
ed ammiri
ti aggricci ti distendi
e poi sorridi
lì ritorni irrequieta
ché diffidi
C’è l’essere o il nulla ?
Che risposta t’aspetti ?
C’é un dio senza storia.
Qui nello spazio che avvia
la memoria
qui sono io che tu attendi
ora nella stagione
provvisoria
dove fioriscon gigli
e crisantemi
puoi raggiungermi
e poi a te ritornare
se solo vuoi
puoi lasciarti amare.
 
© Francesco Ballero

Ultimi post

Altri post