menu Menu
Parola
di Francesco Ballero Pubblicato in Blog degli Autori, Poesia il 30 Gennaio 2008 3 Commenti 1 minuti di lettura
Ribelle Precedente Danzo per te Prossimo

Innamorarsi smarriti nei boschi,
loro narrano e canora mormorano
del paradiso un’indistinta parola,
sparsi i rimorsi tra i rami e i marosi
marmorei che la giovinezza infuria
e a noi ritorna in tempo a nuove nozze
con ornarsi di sbocci e grazia e vezzi.

Son parola e labbra da fuoco e coscienza.

Parola che ansima, si apre, si plasma,
sui profumi, sui colori, sui suoni,
che danzano e ci trasportano sul fiume
alla foce dell’anima e dei sensi
e al principio ove nudi spiegheremo
le carezze e il tempo che entrambi nutrì.

Nudi di intensi cieli le carezze
nei nidi della Dea nutrice e cenere,
respiriamo nel palmo di uno sguardo
rive radiose, mattini, tramonti,
quando i tuoi seni candidi mi scaldano.

Qui l’Infinito, attoniti, ci scruta
e intitola parola allo stupore.

Parola di muta bellezza e sonora.

Parola intuita, intuita bellezza.

Amore


Precedente Prossimo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cancella Invia commento

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine
keyboard_arrow_up