Voglio sottrarre i nostri occhi alla notte
fiaba abusata da luci artefatte
in questi giorni reclusi e confusi
dagli idoli mendaci di un reciso
pensiero spento da illusori influssi
che perseguono un falso paradiso.

Voglio condurti a silenziose sponde
nei templi non comprati dal frastuono,
dilagante onda che tutto confonde.

In un segreto canto dell’impero
berremo il vino, il pane spezzeremo,
spogliati sulla paglia giaceremo.

Nella veglia notturna i nostri scrigni,
consacrati al brillare d’una stella,
saranno vuoti e noi ci stupiremo
di tanto inerme e limpida scintilla.
Lievi indifesi, senza alcun timore,
al nascente sole noi ci scalderemo.
francesco ballero – dicembre 2005

© 2006, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

4 thoughts on “Amarti a dicembre

  1. Amarti a dicembre… mi piace già dal titolo 🙂
    E’ una poesia che sà di buono, di affetto davvero profondo.. quello che si coglie nei gesti quotidiani…
    Amarti a dicembre… sì
    Un saluto
    Ars

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine