Virgilio Ranieri

La prima volta senza di te

Questo primo Natale senza di te
è un’angoscia che cresce dentro,
è un dolore sottile e amaro,
è un nodo che stringe la gola,
è un solco nel cuore,
è un deserto nell’anima.

Questo primo Natale senza di te
è terra assetata,
è notte spietata,
è luce accecata,
e gonfia la gola e gli occhi di pianto.

© 2006, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

12 thoughts on “La prima volta senza di te

  1. E’ proprio triste il primo (ma anche i seguenti) Natale senza accanto la persona amata.Ancora più doloroso quando questi è un genitore!Io, come tanti, così come solitamente “prescrive” la vita ho accompagnato per l’ultima volta i miei genitori: è un dolore che conosco e mi stringo ancora più forte a te.Tuttavia non ci lasciano davvero…alcune volte li sento vicino a me!Ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine