folder Filed in Blog degli Autori, Poesia
Vita
Etain comment 16 Comments access_time 1 min read

Foto di Katarina Sokolova

Urla l’anima:
sono vuote le braccia
nell’albe fredde.

Ma giunge l’incolto mattino,
il cuore gremito d’attese.
Stretta di mani sconosciute:
contro i sobbalzi del respiro
il profumo d’altro che invade.

Presi dal vento
effluvi di glicine.
Tu-tum del cuore.

  
Gioco inizia ed è desiderio
tra sguardi di stelle attonito.
Strappo e stringo e dono cauta
mano cercata e poi sottratta.
Ma – per te – il timore crolla.

Occhi negli occhi
– coincidenza d’anime –
ora viviamo.

© 2007, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono riservati per i rispettivi autori.

Amore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cancel Pubblica il commento

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine
  1. Deliziosa,sobria ed elegante sintassi…di piacevole lettura.
    Striata di intrecci passionali,sussurri leggeri dell’anima….musicalita’inebriante nei versi;esplosione di passioni…piacere dei sensi!

  2. Da dove cominciare?
    Grazie davvero a tutti per i commenti generosi e accurati.

    @Nicla, sono felicissima che la poesia ti sia piaciuta, confesso che non mi aspettavo tutti questi consensi perché questo è uno scritto che ho un po’ “studiato”, quindi avevo l’impressione che nell’insieme risultasse troppo ricercato e poco spontaneo.

    @IrinaP, la differenza tra haiku e senryu sta nella presenza o meno del kigo (il riferimento alla stagione o ad un momento della giornata o ad un elemento della natura da cui si può desumere la stagione). Nel caso specifico, i primi 2 sono haiku, l’ultimo è un senryu.

    @Alanis, Ambra, Maya, Marilena, Fata, Edo, Strega… vi ringrazio per commenti e segnalazioni e vi abbraccio con affetto.

  3. Stupendo questo grido dell’anima, Etain. “Sono morte le braccia fredde.” Poi un cuore gremito di attese all’alba e effluvi di glicine portati dal vento. Una poesia intensa, dal forte lirismo. “Occhi negli occhi ora viviamo.”

  4. Che meraviglia amica Etain!
    Un alternarsi di stili per emozioni di purissima e nobile poesia.
    Delicatissime le immagini che i tuoi versi dipingono.
    La tua penna è magia che regala incantesimi di parole.
    Eccezionale.
    Felice di segnalare questa tua perla.
    Maya

  5. Ottimo esperimento… ora so cos’è un novenario :), anche se faccio ancora fatica, talvolta, a distinguere haiku e senryu… 🙁

    Cinque stelle meritatissime per l’originalità strutturale e per un contenuto letto e straletto ma raramente così!

  6. Densissima , trovo echi schakespeariani, nella descrizione della natura che si fonde in un tutt’uno con lo stato d’animo degli amanti.
    Bellissimi versi! Mi rapiscono!
    Un caro saluto!
    Elisabetta
    (voto: 5)