folder Filed in Poesia
“Quanto zucchero?”
Etain comment 5 Comments access_time 1 min read

Ti guardo.
Mi sorridi.

L’accordo taciuto gravita,
sospeso tra segreti discorsi a due.
Il quieto mormorare dei tuoi occhi
invoca con abbandono il momento atteso.
Io scruto indiscreta le iridi
paghe dall’esito di mani e fuoco e aromi provati.
Le iridi solcano sentieri aerei
fino alla regione familiare
dove mano e fuoco compiono il rito.
Poi le voci s’incontrano,
intonano nuove melodie al ritmo
di ceramiche smosse da cacofonie metalliche.

Il profumo si diffonde
e tu arresti le neonate melodie
nell’estasi di un sogno acre che prende corpo,
che fino a te corre lungo strade fantasticate.
Afferro il sogno per mano e a te lo conduco,
al riparo, dentro ceramiche ora tinte di scuro
e perdute nei vapori d’antichi profumi.
Questi attraverso per ritrovare i tuoi occhi
e le nostre molte parole non dette.
Infine, ti chini,
anneghi labbra e pensieri nel liquido nero
e l’amaro turba il sapore del sogno.

Mi guardi.
Ti sorrido: “Quanto zucchero?”

"COUPLE IN BED" - © Inc. Butch Martin - The Image Bank

Etain

© 2006, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono riservati per i rispettivi autori.

Amore Dedica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cancel Pubblica il commento

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine
  1. Un bellissimo caffè!

    Bellissimo quel:

    “Afferro il sogno per mano e a te lo conduco,

    al riparo, dentro ceramiche ora tinte di scuro

    e perdute nei vapori d’antichi profumi.

    Questi attraverso per ritrovare i tuoi occhi

    e le nostre molte parole non dette.”