folder Filed in Senza categoria
quel libro che non c'è
EdoEleStorieAppese comment 6 Comments access_time 1 min read
Quel Libro che non C’è

Consunto sul mio letto
Il mio libro mai scritto
Che più volte ho riletto
Frasi che non ho mai detto

Ma nell’intimo rivissuto
Mille volte nel passato
Come virgulto variegato
D’eterno innamorato

Un forte vento ha strappato
Certe pagine del fato
Che in profondo han ferito
L’esser mio un po’ smarrito

Quel mai… vissuto è rilegato
E’ inciso ma non stampato
Senza trama d’un’avvenuto
Perché è frutto d’un sognato

In dissolvenza s’è defilato
Ora il tempo mio è scaduto
E le ricariche ho esaurito
Viaggiando io nell’infinito.

Edo e le storie Appese

© 2006, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono riservati per i rispettivi autori.

Amore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cancel Pubblica il commento

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine
  1. Non si finisce di sognare, al massimo “ci sfinisce” e poi…ricomincia!

    Anche il non vissuto prende vita nel sogno.

    Un abbraccio al malinconico grande Edo!

    😀 Francy

  2. naaaa Edo… non farmi credere che hai esaurito le ricariche 😉

    ..anche se mai vissuto, anche se solo inciso, anche se frutto d’un sognato, per certo tempo ti sei sentito innamorato.. Si vive meglio quando s’è innamorati (certo.. quando poi l’amore si defila in dissolvenza non si sta granchè bene..)

    :)*

    Ultimamente le tue mi piacciono di più 🙂

    Un abbraccio

    Ars