Fui sempre un cane randagio
in cerca di guinzaglio
dal quale fuggire.
Tempo ho trascorso
dentro le vostre nicchie
rosso-sangue
ribollendo neve disciolta.
Non ho più semi da gettarmi
alle spalle, né voglie o desideri
da esaudire.
Rapido,
troppo rapido è l’istante
e io sono vissuto  per l’urlo
modulato, esaltante.
Il crepuscolo si muove
con palpebre azzurre :tra poco
sarà qui. Mi sento un semi-dio
spiaggiato
con l’unica vita che sfugge
freme, si contorce, guizza
nella risacca del tempo.

© 2006, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

5 thoughts on “fui sempre…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine