A chi importa
il mio passato
sono nata all’alba
e il crepuscolo
già si avvicina.
Ma chi dice
che devo capire
tutto in un istante
che racconta
indovinelli
e parole
sconosciute.
Sento ancora
cantare
il mio fiume
sostiene la vela
il vento forte
e l’albero gigante
ha radici di linfa.
Il tempo è un luogo
inesplorato
sul bordo aperto
del cielo.

Dalla silloge  “Graffi obliqui” di Daniela Quieti – Premio Scriveredonna  2009

© 2009 – 2010, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

11 thoughts on “A chi importa

  1. Daniela, mi commuovi e confondi sempre con i tuoi versi. Il tempo si dilata infinito e si restringe, con la brevità dell’alba di una vita che già declina nel crepuscolo dell’esistenza. Nel mezzo vi sono certezze, valori saldi, ben radicati, come “l’abero gigante dalle radici di linfa” e strumenti rodati ad affrontare le intemperie come la vela che sostiene il vento forte.
    Versi che meritano di restare nei libri di letteratura.
    Un abbraccio
    Lucia Sallustio

  2. Questi bei versi fanno riflettere su domande esistenziali e sul desiderio di reagire ai soprusi della vita. Cordiali saluti

    Ugo Petri

  3. E’ bella questa poesia che con intensità, sentimento e passione, descrive la precarietà dell’esistenza. Cari saluti
    Annamaria

  4. Parole che evocano amarezza, speranza usurata, ma anche orizzonti inesplorati che sfumano nell’emozione le ferite dell’anima. Complimenti. Gianluca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine