ClaudioArch
  • Senza una parola Non capivo il silenzio dei tuoi occhi fermo su un no, e quei rami sopra di noi, spogli e strani su quell’albero primaverile abbrancavano la mia speranza, e volevo partire, andare verso un isola scomparsa, remare sopra venti sconosciuti; cercavo una parola sulle tue dita, un sussurro sulle tue guance, una sillaba sulle tue labbra, [...] 3 responses 5 ottobre 2006
  • Una storia d’amore.   La notte stellata racconta mille storie d’amore, Il sole fresco di un mattino mi parla di te, ho perso ogni parola di ricordo, lo sguardo si è scolorato nella mente del cuore, ma ti vedo sempre in amore sorridere sulle strade del mondo. 4 responses 10 settembre 2006
  • Bellezza Dolce come un soffio d’Aprile sembri arrivare lievemente, danzando, da una nuvola, ed è delicato il tuo andare, una brezza di grazia, in uno spazio di cielo; uno sguardo di leggiadra poesia nel vibrare di parole, simile ad un suono leggero nella tiepida aria dei mattini di prima estate, e la tua figura disegna armonia, [...] 7 responses 4 settembre 2006
  • La casa solitaria   Costruii una casa solitaria sulla neve del mio cuore, seduto attendevo un tiepido sole di maggio, e la brezza era lieve, il calore leggero, una porta d’estate dischiusa mi invitava a sognare; ma l’azzurro dei suoi occhi era sempre di ghiaccio, rimasi adagiato ……….ad aspettare un “non so”.     The [...] 3 responses 1 settembre 2006
  • Sera d’estate Dolce è il caldo silenzio della sera, mentre sussurra il mormorio dell’onda che borbotta sulla riva, il mare sembra dire calme parole, il sole trafigge con un ultimo raggio quell’acqua infinita in bonaccia, e sembra ninnare il suo moto leggero, ed in questo adagio cullare ti senti  acquietare il subbuglio del cuore. 5 responses 29 agosto 2006
  • Ricordi d’amore Forte  e certo come un cielo limpido d’estate, mentre il cammino innamorato sostava ogni dove, in quella gita romana di una lontana primavera, mi specchiavo nell’azzurro dei suoi occhi; in un Attimo d’Amore. Ogni peso diveniva lievità, ed una nuova dolcezza invadeva il silenzio del cuore.   Avrei spostato montagne per essere senza [...] 5 responses 28 agosto 2006
  • Il Sogno   Il sogno corre dietro quell’angolo smussato, come quelle parole in lingua straniera perdute nella mia sordità, che camminavano sicure, veloci in bellezza su una lirica di Byron, e vorrei afferrare quelle voci rimaste mute, ma e tardi, forse, non le troverò mai più.   The Dream   The dream runs behind that blunt-ended corner like [...] One response 25 agosto 2006