menu Menu
Teresa Carere
Teresa Carere

Teresa Carere vive e lavora a Reggio Calabria dove svolge la professione di impiegata di banca. E' presidente dell'Associazione "Il Posto delle bricole" - scambi artistici culturali - dove cura e si dedica alla sua passione per l'antiquariato. Dopo la sua prima pubblicazione "Sconosciuto... conosciuto in chat", scrive per la Gazzetta di Reggio, periodico di attualità e informazione, dove ha già pubblicato quattro dei suoi saggi.
Esce nel mese di dicembre 2008 il nuovo libro di Teresa Carere.
Il titolo è: "Un Vestito alla Moda - Racconti", edito da Club Ausonia Editore, 256 pagine.
Una raccolta di racconti in cui vengono trattati i vari temi della vita: amore ma anche sofferenza, rabbia, gelosia, invidia, ironia, ipocrisia, attesa. Il tutto colto dal punto di vista delle emozioni.
Scrive il sociologo Pino Rotta:
"Teresa Carere è una donna che va contro ogni stereotipo della "calabresità"... accostandosi ai suoi racconti può venire in mente il piglio orgoglioso ed ecclettico di Mia Martini. La scrittura di Teresa Carere infatti è quella dolce, poetica ed arrabbiata dell'artista che non rinuncia al potere di trasformare la realtà con la poesia...".

Previous page Next page

Fiori per Selly

La vita non era stata facile per Selly da quando aveva voluto la verità a tutti i costi. La sua nascita aveva segnato in quel momento il suo destino. Nasceva orfana di sua madre ed assassina, ed andava chiedendo quanto aveva pianto in quel momento, quando era venuta al mondo, quando era morta sua madre […]

Continue reading


La legge di un addio

Non era bastato un addio per quell’amore. Scoppiato come un uragano, con tutta la passione, sembrava unico e per sempre tanto da progettare mille progetti. Era stato suggellato da un ministro del Signore e da un anello perché si stava per guastare. Il bimbo nato da quel letto ufficiale era biondo e molto bello, la […]

Continue reading


Inconsapevole gigolò

Sandro non sapeva neppure perché mi stava raccontando la sua storia. Sembrava non vi fosse nulla di eclatante, o che andasse scritto, se non la tristezza che pur volevano celare i suoi occhi, e il rimpianto sotto e dentro ogni sillaba, ogni sua parola. Aveva avuto molto dalla vita e si rendeva conto di non […]

Continue reading


Orgoglio

Udiva quelle parole, e lo stava a guardare, attonita, stordita. Lui diceva quello di lei. Lui quello pensava o diceva solo per ferirla, o tentava così di alleviare la sua stessa rabbia? Parlava di lei o di una che non conosceva, aveva conosciuto lei o quello che lei non era? Lei lo guardava e non […]

Continue reading


Tieniti l'anima

Sentiva che quelle parole le avevano creato un buco nello stomaco, come un pugno forte, e con la stessa forza voleva schiacciare forte i suoi pensieri sotto l’accelleratore. Aveva preso quella strada che portava al mare, nonostante il freddo, nonostante il buio, nonostante tutto. Avrebbe ucciso i suoi pensieri o quei pensieri avrebbero ucciso lei. […]

Continue reading



Previous page Next page

keyboard_arrow_up