francesca bertoldi Sono un ex allieva dell’Istituto Superiore di Giornalismo e Tecniche Audiovisive del TG2 patrocinata dall’università di Camerino. Preside l’ormai scomparso Gino Pallotta, pastonista politico della Rai. Ho frequentato nel 2005 lo stage di scrittura crativa di Paola Ducci, scrittrice e sceneggiatrice della Rai. Sono iscritta allo stage avanzato di scrittura creativa della Giulio Perrone Editore. E’ stato pubblicato un mio racconto nell’Antologia A.A.A. Cercasi AA.VV della stessa casa editrice e una mia poesia nell’Antologia del Concorso Emozioni 2007 presentata alla Fiera del Libro di Torino. Un’altra mia poesia “Gli occhi di Roma” è stata appena pubblicata nell’Antologia “Roma.Visioni poetiche della citta” della collana Poesis, Giulio Perrone Editore, con la prefazione di Walter Mauro . Sto lavorando ad una fiaba e ad un racconto che ha come tema la realtà in carcere e ad un’altro racconto per l’instant-anthology: “Adesso che è Natale” sempre per la stessa casa editrice. Dal tredici ottobre frequento il seminario avanzato Fiction/Faction dove si affronta il tema della letteratura, di ora e di sempre e da più angolature possibili attraverso materiali eterogenei: brani di film, di musica, opere d’arte. Da The Queen ai sogni-incubi di David Lynch, da Marc Augé a Lacan a Baudrillard, passando per tutti i grandi autori contemporanei più impegnati nel corpo a corpo con la «realtà»: da Pamuk a Handke, da Auster a Grossman, da Saviano a Chandra con l’ntervento di ospiti prestigiosi, scrittori e critici, e la possibilità per noi corsisti con la collaborazione di Maria Laura Gargiulo e di Paolo di Paolo (scrittori e giornalisti) - di vivere un’ avventura molto particolare: l’esplorazione della vita in carcere. Il percorso si snoderà lungo un lavoro di ricerca, di testimonianze e interviste dirette. Ne scaturirà un libro collettivo, che sarà frutto della collaborazione tra la casa editrice e gli allievi del corso. Fondamentale sarà l’esperienza diretta, un’esperienza che nasce non solo dall’esercizio e dalla pratica della scrittura, ma da sensazioni di carattere emotivo, da sentimenti e passioni. Per questo, il corso consisterà sia in lezioni teoriche e pratiche specificatamente dedicate alla forma del reportage narrativo e indirizzate all’ apprendimento delle tecniche di questa formula, sia in incontri durante i quali si ascolteranno le testimonianze e le esperienze di coloro che ogni giorno vivono e affrontano la realtò carceraria, dedicando così spazio alla riflessione, al confronto e al dibattito. Per ovvie ragioni non posterò qui i miei lavori più importanti, ma tutto quello che scrivo mi emoziona e molte mie istantanee saranno le fondamenta di lavori successivi. Ero già iscritta al blog degli autori, ma ho smarrito i miei dati. Sono felice di essere di nuovo tra voi.
  • Stella Stella incantata dov’è il tuo sguardo, dov’è il tuo fiuto che tanto m’appartenne? Perché sfuggi gli occhi, perché scacci il cuore, così, con un gesto indifferente? Lunghe le notti che m’accompagnasti alla ricerca della verità, brevi gli istanti della sofferenza quando aspiravi il fuoco dell’ardore che sembrava soffocarmi, trattenendolo in te. Non sei più la [...] 5 responses 17 luglio 2007
  • La prima volta senza di te La prima volta senza di te Questo primo Natale senza di te è un’angoscia che cresce dentro, è un dolore sottile e amaro, è un nodo che stringe la gola, è un solco nel cuore, è un deserto nell’anima. Questo primo Natale senza di te è terra assetata, è notte spietata, è luce accecata, e [...] 12 responses 17 dicembre 2006
  • Rifiuto Ah Dio mio che meraviglia d’alba stamattina, e le emozioni al cuore fanno a spinte, le belle e le brutte, le buone e le cattive azioni, le inflitte e le subite. Una porta chiusa in faccia dopo aver offerto un fiore, forse il più bello, quello dell’invito. Dio che dolore! Una porta chiusa veramente, fisicamente, [...] 9 responses 4 dicembre 2006
  • Sogno onirico Dolce Poeta che attingi ai tuoi sogni, li spandi col tuo canto. Diffondi i tuoi miraggi con parole. Distendi i corpi, spalmi gli abbracci. Occhi negli occhi, con immenso ardore. Senza inganno dei sensi. Estensione onirica,  imprudenza d’amore.. sei tu, e rappresenti il  tutto. Cosa farai se m’impossesso ancora del tuo sogno? Sarai con me [...] 6 responses 3 novembre 2006
  • Il buio Per lunghi mesi, cercando di tornare indietro con la memoria, incontrava un lungo ponte scuro al di sotto del quale vedeva scorrere un fetido liquido nero, schiumoso. Oltre c’era il suo passato, quello prima di incontrare “lei”. Ritornando furiosamente al presente e con un sussulto, aveva la consapevolezza di non ricordare nulla, non un incontro, [...] 2 responses 23 ottobre 2006