Ernesto Maria Elona Classe 1966, vive e lavora a Roma. Scrive per il piacere di inventare dei personaggi e sentirli parlare. La forma prediletta è quella del monologo, e spesso sono un quadro e dei versi ad introdurre la visuale ed il tono del raccontarsi di tipi comuni che, come cavie da indagine introspettiva, espongono vicende di vita traendone una visione particolare dell’esistere, dell’eros e del sentimento.
  • Da che parte di Ernesto Maria Elona Da che parte si guarda la tua vita? Me lo domando spesso. Da che parte ti dovrei guardare? Si, hai capito benissimo, da che parte posso guardarti io, tra le gambe, in mezzo alle cosce, nel vuoto pieno della vita che hai, che dai, che ti prendi a cominciare da lì. Dimmi se non è [...] 13 responses 12 Maggio 2010