Alfredo Lucifero Alfredo Lucifero, calabrese di origine, è nato a Pisa, di professione avvocato, magistrato onorario a Massa. Ha frequentato negli anni '50-'60 artisti dell'importanza di Ardengo Soffici, Giuseppe Ungaretti e Leonida Repaci. La letteratura e la scultura si sono alternate e, dopo una pausa di molti anni per l'intenso lavoro professionale, lo hanno accompagnato fino ad oggi. Ha pubblicato le seguenti opere: Maschere di sabbia (poesia, 1959), Asterischi (prosa, 1990), Il segreto del tempo (poesia, 1994), II fagiano (prosa, 1997), Ferie d'Agosto (poesia, 2000), II ponte girante (prosa, 2002), Epigrammi per Lesbia (poesia, 2003), Ulisse per sempre (prosa, 2004), Il Fagiano e il Cinghiale (prosa, 2006), Un'altra vita (2007). Molte hanno avuto la prefazione del critico letterario e d'arte Lia Bronzi e alcune la postfazione dell'avvocato poeta Alberto Caramella. Ha ottenuto numerosi riconoscimenti e vinto importanti premi a livello nazionale e internazionale per la poesia, la narrativa e la scultura. È Presidente della giuria del premio letterario "Le Muse" di Pisa. Suoi libri sono stati presentati da Romano Battaglia agli "Incontri al Caffè" presso "La Versiliana" di Pietrasanta. La sua opera poetica è stata presentata a Firenze nel 2004 al Bar Letterario "Le Giubbe Rosse" e nel 2005 alla Camerata dei Poeti. Collabora saltuariamente con la rivista "Diana" (editoriale Olimpia). Ha interpretato e curato la pubblicazione delle memorie 1944-1946 di Falcone Lucifero, ministro della Real Casa, insieme al Prof. Francesco Perfetti, con il titolo L'ultimo Re (ed. Mondadori). E presente come scultore nell'Enciclopedia dei Pittori e Scultori italiani per gli anni 2003-2006; nel 2003 un catalogo delle sue sculture ha avuto la prefazione di Vittorio Sgarbi.
  • Sono nato ora di Alfredo Lucifero Vedere il mondo In questo stesso momento miliardi di occhi di compagni di viaggio vedono ogni parte di questa terra che gira all’infinito viva o morta vedono tutto anche se io non ci sono chiuso nel mio garage di foglie pronto a partire con l’auto del sogno vedono mari bellissimi turchesi e verdi vedono ghiacciai [...] No responses 20 aprile 2015
  • Il senso della vita di Alfredo Lucifero Rose – Le rose sono fiorite quest’inverno tornerà la giovinezza? Un animale strano non lascia tracce sulle rughe del viso. *** Onde – Salviamo quelle onde che non esplodono in bianchi gigli di spuma, salviamo quelle onde che sembrano brividi e rientrano in se stesse con movimenti immortali. *** 2 responses 12 ottobre 2011
  • Le donne e la luna di Alfredo Lucifero Ora il tempo si è sciolto nelle mie mani, scorre come un fiume sul viso, lascia ferite inguaribili e residui di creta sulla pelle che, passata l’azione della crema, diviene opaca, antica; allora spargo con le dita sottili le creme nutrienti che la fanno brillare lucida come un serpente e manda il tempo a scivolare [...] 7 responses 4 luglio 2010
  • Introspezioni di Alfredo Lucifero L’amore – Dove sono andati gli anni che non so più trovare perduti nel vento nelle nuvole nel sole nella pioggia nella sabbia sconosciuta dal mare anni dimenticati vissuti oltre la vita ancora dentro lunghi capelli di pioggia. Dov’è andato l’amore che non so più trovare perduto tra tante donne, lo sento arrivare ma non [...] 11 responses 11 giugno 2009