Sono solo un Cantastorie

Affacciata sul’incanto di un Giardino
fra mura alte nascoste,
con la curiosità che l’aveva resa donna,
contemplava la beltà con il timor negli occhi,
e soffermandosi sulla soglia,
s’attardò fino a sera.

Amor la vide e lasciò
che indisturbata si beasse
del suo magnifico Giardino.
Nel mentre le carezzava
cogli occhi il candore della pelle.

E un dì che non dirò,
Amore le prese la mano
e la condusse oltre la soglia.
Lei la oltrepassò con occhi di fiaba
mentre i suoi mille pensieri
caddero come petali di rose,
intessendo un tappeto di seta.

Si chiuse la porta
e questo Cantastorie,
rimasto al di qua delle mura,
conserva ancora un tappeto di seta,
ma di quel dì
non potè più cantare.

Ultimi post

Altri post