Fulgidi raggi
a ferire la notte,
di luna
son onde
a scolpire
i tuoi fianchi.
Corpi dissolti
in stanca rugiada,
e valve
e conchiglie
colme di pianto.
Un ultimo
fremito
sciolto nel buio
e dolce
è morir
su tiepido nido.

© 2006, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

6 thoughts on “Onde

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine