menu Menu
Era la nostra canzone
By 4797orizzonte2 Posted in Senza categoria on 16 Marzo 2006 5 Comments 1 min read
Previous Non mi lasci mai tristezza Next

 

Il suonatore di sitar

 
Ho incontrato un suonatore di sitar  
nel sottovia prossimo al metrò:
sbucano, con la musica, i ricordi
e tornano le ombre d’un passato
troppo mio,
troppo bello,
troppo folle
di quell’irragionevole illusione
che fa del tempo riccioli per gli angeli
e degli specchi gocce di sorriso,
parentesi di falce della luna
a racchiudere un attimo di sogno. 
 
No, non ora, no…i ricordi!
(e mi sei accanto
come allora
come sempre)
s’è fatto pietra il cuore
e solido cemento i desideri
fimzione o inganno
al mio andare reale
che non ammette vagheggiamento alcuno
e non concede deroghe al destino.
 
M’avvolgono le note
(e mi sei dentro
come allora,
come sempre)
ti lascio fluire,
momento colpevole, lo so,
sul corpo e nel pensiero
teneramente fragile
quando lo sfiori appena
e, per un palpito ancora,
ti ritrovo.
 
Era la nostra canzone!
 
Silvia       19 febbraio 2006      

Amore Storie d'amore


Previous Next

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cancel Invia commento

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine
  1. L’attimo in cui il ricordo affiora è come se il tempo non fosse mai trascorso…

    Brava.. poi mi piace quel suonatore di sitar 😉

    Un sorriso

    Ars

  2. I ricordi che all’improvviso riaffiorano non sono momenti colpevoli ma testimoni di vita vera e viva.

    Non sei la sola a sentirti così.

    Coinvolgente…ciao

keyboard_arrow_up