Il suonatore di sitar

 
Ho incontrato un suonatore di sitar  
nel sottovia prossimo al metrò:
sbucano, con la musica, i ricordi
e tornano le ombre d’un passato
troppo mio,
troppo bello,
troppo folle
di quell’irragionevole illusione
che fa del tempo riccioli per gli angeli
e degli specchi gocce di sorriso,
parentesi di falce della luna
a racchiudere un attimo di sogno. 
 
No, non ora, no…i ricordi!
(e mi sei accanto
come allora
come sempre)
s’è fatto pietra il cuore
e solido cemento i desideri
fimzione o inganno
al mio andare reale
che non ammette vagheggiamento alcuno
e non concede deroghe al destino.
 
M’avvolgono le note
(e mi sei dentro
come allora,
come sempre)
ti lascio fluire,
momento colpevole, lo so,
sul corpo e nel pensiero
teneramente fragile
quando lo sfiori appena
e, per un palpito ancora,
ti ritrovo.
 
Era la nostra canzone!
 
Silvia       19 febbraio 2006      

© 2006, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

5 thoughts on “Era la nostra canzone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine